Amministratore delegato per un mese

0

 

Come in un reality un sogno che si avvera. Gianluca Simone, top manager poco più che ventenne, è il vincitore  della sfida lanciata da un professionista del settore commerciale per spronare i giovani “bamboccioni”.
Spieghiamo l’antefatto.
L’amministratore delegato, il signor Stefano Cigarini, dei parchi di divertimento di Miragica e di Rainbow Magicland di Roma, si era lamentato qualche tempo fa dei giovani di oggi, capaci di mandarti un curriculum per un lavoro estivo per poi rinunciare a 800€ nette al mese: “Fatichiamo a capire come, in un momento così grave di disoccupazione giovanile, sia difficile trovare ragazzi disposto a lavorare sacrificando le vacanze estive o i festivi, che sono i giorni più importanti per un parco divertimenti“.
E così ecco la sfida rivolta a tutti i giovani disoccupati, convinti di essere talenti incompresi (tipico dei ragazzi di oggi), Miragica ha messo in palio il posto di amministratore delegato, con relativo stipendio, per un mese al miglior giovane con la miglior proposta commerciale che prevedeva in 3 pagine le “Strategie e azioni a breve termine per incrementare del 10% le vendite nel mese di agosto“.
È così che dal 1 agosto il vincitore Gianluca, laureando in ingegneria gestionale, siede sulla poltrona più alta dell’azienda cercando di realizzare il proprio progetto commerciale dopo aver sbaragliato oltre 320 concorrenti.
A fine mese ci sarà la verifica e si capirà se il prescelto si rivelerà un vero nuovo talento del marketing/commerciale, o se sarà soltanto uno dei tanti che credono di esserlo. Tra le idee proposte dal nuovo amministratore troviamo “Miragica on the Rocks”, con tariffa serale, 12€, nelle notti bianche che include una consumazione gratuita (bibita o alcolica)’ come più o meno fanno le discoteche e poi “Rottama il tuo biglietto”, ossia a partire dal 1 settembre ogni vecchio biglietto, acquistato entro il 31 agosto, darà diritto ad averne uno nuovo. Proposte giovani e alla moda c’è da riconoscerlo!
Mi auguro con tutto il cuore che questo giovane possa farcela perché seppure nata come una sfida ai “bamboccioni” mi trovo d’accordo con l’ad Stefano Cigarini quando afferma che si “deve sfatare il mito, o più spesso la scusa, che nel lavoro si vada avanti non per meritocrazia ma per raccomandazioni o percorsi poco chiari”.
In bocca al lupo al nuovo amministratore allora sperando che queste iniziative possano essere di esempio, e non solo per i manager di grandi aziende, ma anche per tutti i nostri ragazzi incapaci, senza puntare il dito su nessuno, di scoprire i loro talenti ma soprattutto di metterli a frutto consapevoli che per ‘meritare’ bisogna imparare a lavorare sodo, che nulla piove dall’alto e che tutto quello che si vuole raggiungere ha bisogno di capacità, tempo, e soprattutto sacrificio, parola sconosciuta alla maggioranza di loro.
Paola Bianconi

La redazione del magazine. Nato nel maggio 2013, da marzo 2015, testata registrata al tribunale di Milano. Mamme di idee rigorosamente diverse commentano le notizie dell'Italia e del mondo, non solo mammesche.

Rispondi