Estate d’arte al Palaexpò, centro estivo da 10 e lode!

0

scaffale_darte_2

 

 

Tommaso e Flavia hanno trascorso la settimana tra il 22 e il 26 giugno al centro estivo del Palazzo delle Esposizioni, che per la prima volta proponeva questa formula. Eravamo già stati parecchie volte negli spazi del Laboratorio d’Arte per vari laboratori ed ero sicura che sarebbe stato un successo, come infatti è stato!
54665

 

Ogni mattina alle 8:30 puntuale la responsabile aspettava i bambini fuori dalla portineria, proprio fuori dal museo, per accompagnarli poi negli spazi didattici dedicati ai bambini, a cui si accede da Via Milano 16.
I gemelli non si sono mai annoiati, la loro settimana era dedicata alla scoperta della camera oscura e della fotografia e hanno fotografato le loro creazioni manuali di una città, costruendo col cartone delle cineprese e delle macchine fotografiche.

La mattina inizia sempre con del movimento, yoga (serve il tappetino dedicato, pagato 2 euro da Decathlon), piccolo circo, danza e motricità, per poi spaziare dai laboratori d’arte, alla visita al Museo e addirittura l’ultimo giorno hanno visitato la stanza dei bottoni, quella della sicurezza.

Nel pomeriggio dopopranzo si privilegia il rilassamento con la visione di un film o un cartone animato scelto con cura per i messaggi che passa, per poi chiudere in bellezza con un altro laboratorio e la merenda nel giardino del bar. IMG_3113

Ecco un esempio di orario:

ore 08.30: accoglienza

ore 09.00: attività motoria (yoga, piccolo circo, danza e movimento)

ore 10.00: merenda

ore 10.30: laboratorio

ore 12.30: pranzo

ore 14.00: cinema

ore 14.45: letture

ore 15.30: merenda

ore 16.00: Spot! (ogni giorno un approfondimento su un’opera)

ore 16.30: uscita


IMG_3115 IMG_3116

I dettagli

Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 16.30, il Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni propone a bambini e ragazzi un’alternativa divertente e di qualità per trascorrere piacevolmente le prime settimane di vacanza dopo la chiusura delle scuole per i bambini 5/7 anni e i ragazzi 8/11 anni, cinque settimane in cui spaziare dall’arte al cinema, dal circo alla fotografia.

Le opere della mostra Empire State. Arte a New York oggi, i libri senza  parole del progetto internazionale Silent books. Final destination Lampedusa, accolgono il giovane pubblico all’atelier e al forum. Una selezione di film d’autore per i più giovani si alterna a classi di yoga, piccolo circo e danza. Ogni giornata, con un programma settimanale, è pensata insieme per i “più sportivi” e per i “più intellettuali”.

IMG_3118

Per una settimana compresi tutti i pasti la quota è 140 euro a bambino, per il II fratello c’è uno sconto del 20%. Il costo è alto ma vale veramente la pena pagare per far trascorrere ai bambini 5 giorni immersi nell’arte, in attività che li entusiasmano e li coinvolgono, curati da persone molto attente.

Una delle animatrici ha regalato a mia figlia il suo pranzo più volte, perchè era a base d’insalata, mentre i menù del centro estivo non la prevedevano.

I dubbi

Il trascorrere 5 giorni al chiuso mi preoccupava, perchè dopo un anno di scuola, i bambini hanno bisogno di correre e di aria aperta, ma non si sono lamentati. Onestamente preferisco che passino il loro tempo mentre sono entusiasti, piuttosto che lasciarli in un centro sportivo dove magari si sarebbero annoiati.

Gli spazi in cui hanno trascorso il centro estivo sono il laboratorio d’arte: una grande sala biblioteca con grandi tavoli a misura di bambino, lavagna luminosa e tappetini e la sala multicolore.
I pasti sono stati consumati nel giardino del bar, fresco e bello da vedersi.
Abbiamo poi recuperato nel finesettimana.

Insomma 10 e lode!

Prenotate la prossima settimana… dura fino al 19 luglio:

prenotazione obbligatoria 1,50 euro – (dal lunedì al venerdì e il sabato mattina) 06 39967500

AL Palazzo delle Esposizioni

Via Nazionale, 194,

Arianna, Flavia e Tommaso

Zingara senza scarpe, madre di Tommaso e Flavia gemelli di 7 anni e di Lorenzo (detto "Nanuzz") di 2 anni. Bilingue, trimamma, monogama ed eclettica navigo tra fettuccia e scrittura.

Rispondi