Lasciamoli fare… fin da piccoli

0

Fin da quando sono molto piccoli, i bambini hanno un’innata spinta all’imitazione – che costituisce infatti la prima forma di apprendimento (sociale) – in virtù della quale sono indotti a ripetere gesti e comportamenti che osservano, soprattutto in famiglia. Infatti non è così inusuale vedere bambini ancora molto piccoli che, ad esempio, vogliono aiutare i genitori a mettere a posto la spesa, a spolverare, a spazzare… Questo è quello che sperimento quotidianamente con mia figlia che ha quasi due anni.

Nessuno glielo ha detto o chiesto, eppure lei spontaneamente si propone di fare e aiutare, perché come tutti i bambini, è un attenta osservatrice e ha registrato determinate abitudini familiari che vuole sperimentare in prima persona. Alle volte questo implica lasciarlo fare, lasciare che faccia a modo suo, a costo talora che possa creare disordine e caos, sporcare o rallentare i ritmi quotidiani.

In questi casi, alcuni genitori intervengono inibendo questa loro spinta a fare, magari per paura che possano combinare qualche guaio o farsi del male, pensando che “se faccio io, faccio meglio e prima” o che “poverino, è piccolo, non deve fare certe cose”.

Al contrario, personalmente ritengo che sia importante promuovere e assecondare la loro spinta a far da soli e ad imitare, a sperimentare e provare, seppur con occhio vigile teso a supervisionare.

Perché?

Per tanti e validi motivi. In primis, lasciarli provare, significa offrire loro l’opportunità di mettersi alla prova e di imparare sul campo. Inoltre le attività di vita quotidiana sono un’ottima palestra anche per lo sviluppo del pensiero e del linguaggio. Infatti partendo proprio da attività pratiche, il bambino impara a conoscere gli oggetti, la sequenza di certe azioni e ad associare termini e concetti astratti ad oggetti e attività pratiche, facilitando così il suo processo di apprendimento e di ampliamento del vocabolario.

Inoltre, l’assecondare la sua spinta a fare, è anche un messaggio di fiducia nei suoi confronti (il messaggio implicito è “ti lascio fare, perché so che tu puoi farcela”), e questo contribuirà alla formazione della sua sicurezza personale e quindi della sua autostima.

Non solo. L’iniziativa a provare e ad impegnarsi, se rinforzata e premiata (con parole e gesti di approvazione), viene interiorizzata e risulterà fondamentale nella vita per riuscire a reagire alle situazioni e alle difficoltà, anziché, rinunciare, evitare o aspettarsi che arrivi qualcuno o qualcosa che determini una risoluzione.

Infine bambini spronati e rinforzati fin da piccoli a rendersi utile e a provare a fare da soli, cresceranno con la capacità di far fronte all’impegno (per se stessi e per gli altri) e di dare, oltre che di ricevere. Infatti troppo spesso ragazzi e bambini crescono con l’idea pretenziosa che tutto sia loro dovuto senza alcuna richiesta o impegno a dare a loro volta, e questo, chiaramente, genera aspettative irrealistiche ed egoiste, oltre che difficoltà ad affrontare autonomamente gli impegni e le richieste della vita.

La redazione del magazine. Nato nel maggio 2013, da marzo 2015, testata registrata al tribunale di Milano. Mamme di idee rigorosamente diverse commentano le notizie dell'Italia e del mondo, non solo mammesche.

Rispondi