Mamme, ecco perché i farmaci galenici possono essere utili

0

Se qualcuno vi dicesse che esistono  dei “farmaci artigianali” validi come i farmaci “confezionati” e che sono sicuri anche per i vostri figli, ci credereste? No? Eppure dovreste perché questi medicinali esistono: stiamo parlando dei farmaci galenici.

Cos’è la Farmacia Galenica?

farmcacia_galenica

Sicuramente molte di voi avranno letto più volte la scritta “laboratorio galenico” sull’insegna di una farmacia. La scritta sta ad indicare che la farmacia ha, al suo interno, un laboratorio dedicato alla produzione di farmaci galenici, dei medicinali che, per intenderci, potrebbero essere definiti una sorta di farmaci artigianali.

I preparati galenici, oggi, sono passati in secondo piano rispetto alle più note preparazioni industriali, sebbene alcuni loro impieghi possano risultare molto utili per alcuni soggetti, tra cui i bambini. Generalmente i farmaci galenici si dividono in due classi:

       Preparati magistrali o formule magistrali che vengono elaborati in base di una specifica prescrizione del medico, creata “ad hoc” per un particolare paziente;

       Preparati officinali o formule officinali realizzati dal farmacista seguendo le indicazioni della farmacopea dell’Unione Europea; vengono venduti e preparati dal farmacista  e non hanno bisogno di una prescrizione medica.

Quando possono essere utili per i bambini?

Nel bambini la prescrizione di un farmaco galenico potrebbe esser utile per:

       Creare farmaci con dosaggi personalizzati a misura di bimbo. A volte, nel caso di prescrizioni rivolte a piccoli pazienti, può risultare molto utile “commissionare” un farmaco galenico con un quantità “giusta” di principio attivo, diversa da quella “fissa” dei farmaci industriali, e dunque più tollerabile per la corporatura di un bambino.

       Cambiare eccipienti contro eventuali intolleranze. In altri casi il farmaco galenico può essere utile per evitare certi eccipienti (gli “ingredienti” di un farmaco che servono, ad esempio, a farlo assorbire al meglio dall’organismo) a cui un bimbo è sensibile o intollerante, come ad esempio il glutine, il lattosio, ecc..

       Cambiare forma (ma non sostanza). Ingerire una pasticca molto grande potrebbe essere un’impresa per un bambino, senza contare i rischi che questo tipo di assunzione può comportare. Sul mercato sono disponibili molte forme differenti per  uno stesso farmaco (granulati, pasticche, sciroppi, ecc); ma quando un’alternativa proprio non si trova, ecco che la farmacia galenica potrebbe essere un’affidabile soluzione.

Anche per i farmaci galenici valgono le stesse attenzioni che si usano per i medicinali tradizionali: vanno assunti con attenzione, consapevolezza e sempre dopo aver consultato un medico.

Una curiosità: sapete perché si chiamano galenici? La risposta la trovate qui.

Trent’anni, farmacista, laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche presso l’Università della Calabria si occupa di informare e sensibilizzare su temi che riguardano la salute, curiosità sui farmaci, bellezza, prevenzione e tanto altro, attraverso un linguaggio semplice, ironico e adatto alla vita di tutti i giorni.

Rispondi