Passeggini, mei tai e passeggiate a Roma

0

 

Il centro di Roma non è proprio agevole da percorrere con passeggini e ruote varie: marciapiedi spesso dissestati, sanpietrini, buche, saliscendi occupati, locali con solo scale e chi più ne ha, più ne metta. Diciamo che siamo ancora lontani dall’essere una città priva di barriere architettoniche, quindi bisogna ingegnarsi per poter godere ugualmente della città.

E’ bene pianificare il percorso, prevedere l’eventuale ingresso in musei, chiese e altri luoghi in cui si possa entrare con passeggini, se ci sono ascensori, saliscendi, oppure no.

Ad esempio, il Colosseo è attrezzato per carrozzine e per passeggini, i corridoi sono ampi e ci sono percorsi alternativi che non prevedono scale. Questo invece non accade a Castel Sant’Angelo, in cui, al contrario, ci sono scale, anche piuttosto ripide, da percorrere e nessuna via alternativa.

E’ bene informarsi per tempo.

Inoltre, come si sa, la pavimentazione di Roma, in centro, è per lo più costituita dai famosi sanpietrini. Questo fa sì che sia difficile guidare un passeggino o una carrozzina troppo pesante e larga, soprattutto quando si deve salire o scendere dai marciapiedi e ci si deve infilare tra le auto posteggiate.

Quindi che fare?

Ecco i nostri suggerimenti:

  • Informarsi per tempo sul percorso da fare e sui luoghi da visitare.
  • Se si porta con sè bimbi piccoli, adottare anche alternative come marsupi o fasce mei tai, in modo da non fermarsi al primo ostacolo.
  • Se ci sono bimbi non troppo piccoli, ma neanche tanto grandi da poter essere autonomi per lunghe passeggiate, allora meglio munirsi di un passeggino agevole, di quelli senza troppi accessori e dal telaio leggero.
  • Attenzione: non tutti i mezzi pubblici prevedono il saliscendi per carrozzine e passeggini, in questo, siamo ancora parecchio indietro, purtroppo! foto credits: http://www.equazioni.org/

    Micaela

Mamma di 3 piccole belve: Miriam, Melania e Massimo. Moglie di Marco. Meravigliosamente innamorata della vita. Social addicted e inguaribile ottimista.

Rispondi