Le 7 semplici regole del bon ton dell’unghia

1

Mi piace documentarmi sul beauty, sulle nuove tendenze moda, capelli, make up, per anni mi sono occupata di questo, è parte del mio essere. Ogni giorno scopro cose nuove da imparare e da proporre.
Oggi, voglio parlare di Unghie. Un dettaglio che scatena opinioni diverse.
Il mercato attuale offre varie alternative per avere unghie perfette: Gel, semipermanente, Tip, ma anche una semplice e buona manicure ci basterebbe vero?

Vorrei quindi proporvi le sette semplici “regole” del bon ton dell’unghia.

Il nostro primo vero dilemma è sicuramente la lunghezza, non possiamo certamente avere unghie chilometriche, chi ha a che fare con i bambini deve naturalmente prestare attenzione a questo, dunque un allungamento esagerato potrebbe non fare al caso nostro.
Se invece non rientrate in queste categorie, dovrete puntare sicuramente sulla via di mezzo, che è certamente la più richiesta (il bon ton estetico, non ammette artigli!)

Naturalmente tutte e dieci le dita dovranno essere di ugual misura e mai irregolari.

Il passo successivo sarà la forma, ovali, quadrate, tonde, squadrate ovali o a punta?
Su questo il mondo femminile ha idee contrastanti e naturalmente ognuno ha i propri gusti, io anche in questo caso opterei per qualcosa di soft, forse banale, ma niente spuntoni, andrei certamente su qualcosa di tondo (lascio comunque l’ultima parola all’estetista, una limatura tonda potrebbe non andare bene per la tua tipologia di unghia.)

Il terzo punto è decisamente la decorazione, lascerei per un attimo da parte tutte quelle numerose modalità “elaborate” forse un po’ troppo appariscenti per me, soffermandomi anche qui su qualcosa di fine e delicato, potrebbe anche apparire monotono e noioso, per me invece, estremamente elegante, del resto parliamo di bon ton non è vero?

Colore, anche qui c’è una vastissima scelta, ma il bon ton non scherza, pertanto va considerata la stagione, e magari anche l’occasione: per i matrimoni si opterà sicuramente per dei colori tenui, cipriati o nude, magari la classica ed intramontabile french. Per una bella serata di gala invece potremmo anche optare per un color rosso ferrari oppure il mio amatissimo rouge noir di Chanel tassativamente monocolore e senza alcuna decorazione aggiuntiva.

In estate potremmo sicuramente osare di più, (anche se il bon ton non è caratterizzato da colori fuo) E per quando sto a casa con i miei figli? A voi la scelta, ricordandovi però, altra chicca bon ton, che, il colore da voi scelto per le mani, dovrà essere identico a quello scelto per i piedi, in inverno potrebbe non farci caso nessuno, ma in estate…

Tra le caratteristiche dell’unghia per bene vi è decisamente l’impeccabilità che si ramifica in due punti essenziali: primo, l’applicazione dovrà essere super precisa, se no risulta davvero poco elegante (non ci devono essere sbavature di nessun genere.) Secondo, in qualunque caso non dovrà mai essere sbeccato, al primo accenno di cedimento, meglio essere armate di acetone.

L’ultimo concetto, può sembrare scontato, ma è davvero molto importanti, Vietato mangiarsi unghie e pellicine è davvero poco elegante, oltrettutto le unghie sono piene di batteri.

Detto questo, non ci rimane altro che ritagliarci del sano e vecchio buon tempo da dedicare a noi.
Ce la meritiamo pure una super bon ton manicure, non è vero?

Mamma di due meravigliose creature, donna con una sfrenata voglia di far sentire la sua voce attraverso le parole. Scrivo, leggo, studio continuamente, raccolgo idee e vivo di emozioni, tutto ciò che mi circonda stimola la mia creatività.

Discussion1 commento

Rispondi