Book Mob a Piazza Navona, scambiamoci un libro!

Ultima modifica 29 Novembre 2017

Ore 12 di un sabato mattina di aprile Piazza Navona si presenta con un grande cerchio:

12976773_996634453739091_3183779269915126591_o
Qualche turista chiede, timido, cosa succede… un Book Mob, uno scambio di libri collettivo.

In parole semplici, come scrivono gli inventori della manifestazione l’Associazione Libri in Circolo :

Tutto quel che c’è nel suo nome, Librincircolo lo mette in pratica con un evento flash di soli due minuti. Il Book Mob mette in circolo i libri, e con essi la cultura|

Se un libro non ti è piaciuto, regalalo.

Se un libro ti è piaciuto, regalalo.

Ad ogni modo, ne riceverai uno in cambio. A sorpresa, però. Incartato.

Un regalo, insomma, che dovrai scartare quando ti pare, e tutto ciò mentre il tuo libro sarà già nella mani di qualcun altro.

Lo scopo del BookMob è quello di tirare fuori i libri dagli scaffali e consegnarli a nuovi lettori, ma con il gioco della casualità. I partecipanti, infatti, dovranno incartare il libro che desiderano regalare e giungere al luogo dell’appuntamento all’ora stabilita. Nel giro di due minuti avverrà lo scambio dei pacchetti, e ciascuno si ritroverà in mano un nuovo libro.

BookMob a Piazza Navona

La piazza si è animata di centinaia di persone con il loro libro in mano, lo hanno scambiato e hanno ricevuto in cambio un libro in dono, con la dedica. boolmob_roma

 

 

Sono arrivata tardi, alle 1230, e l’appuntamento si stava concludendo. C’erano ancora decine di persone con il loro libro in mano, e sono riuscita a scambiarlo. Ricevendo un libro di amori zombie sicuramente adeguato a una 12enne. Però ero felice, avevo un testo nuovo da apprezzare.

Il Book Mob

L’idea nasce dall’Associazione Libri in Circolo di Napoli, nata nel 2005 che si occupa di Cultural Managemet, cura corsi di scrittura creativa, editoria e la fiera “Ricomincio dai Libri” di San Giorgio al Cremano.

Abbiamo proposto di fare insieme a Roma uno scambio di libri per bambini… seguiteci e scoprirete quando!

Arianna Orazi

 

Rispondi