Buoni motivi per visitare gli Stati Uniti d’America

0
286

Quando si pensa al viaggio della vita, quasi di certo balza alla mente una meta agognata da molti: gli Stati Uniti, un luogo culla di culture quanto mai variegate, ricche di storia dalle innumerevoli e contrastanti sfaccettature.

Qui la natura, grazie all’immensa vastità della superficie di questo Paese, regala panorami incredibili e davvero mozzafiato. Nell’America delle grandi metropoli è possibile osservare i segni e le testimonianze delle vicende del Novecento, oltre che godere di una cultura eclettica e multiforme.

esplorare gli Stati Uniti

Alcune ragioni per esplorare gli Stati Uniti

Sebbene venga considerata come ‘Nuovo Mondo’ a causa dell’età ‘giovane’ di questo continente rispetto alla ‘vecchia’ Europa, l’America del Nord è in grado di vantare un grande bagaglio di storia da poter narrare. Le città americane portano il ricordo indelebile degli accadimenti passati: basti pensare alla grande Statua della Libertà, testimone di migliaia di migranti, El Alamo con la Rivoluzione Texana, Gettysburg e la Guerra Civile.

A livello naturalistico, la biodiversità climatica del Nord America è incredibile: si spazia dal freddo artico dell’Alaska e della parte più a nord del Canada, ai grandi laghi, tra i più vasti al mondo, alla complessità di catene montuose come le Rocky Mountains e gli Appalachi, la grande depressione della Death Valley, le rigogliose foreste dei parchi nazionali di Yosemite, Colorado e Yellowstone, le zone più torride del Nevada e Messico, per finire con le coste oceaniche orientali ed occidentali.

La multiculturalità degli States si traduce in una melting pot enogastronomica estremamente diversificata: la cucina americana diventa luogo d’incontro di tradizione culinaria asiatica dell’India e della Cina, gastronomia mediterranea italiana e greca, tipicità messicane, per non parlare della celeberrima cucina creola e cajun degli stati americani meridionali, di cui si può fare esperienza durante i numerosi eventi mangerecci periodici.

Presso le grandi metropoli americane si trovano alcuni dei più grandi e famosi musei del mondo, tra cui il Metropolitan Museum of Art “Met“(New York City, NY) con Vermeer, Monet e Van Gogh, la National Gallery Art (Washington D.C.), una delle migliori gallerie d’arte d’America e il Museo d’Arte Moderna MoMA (New York City, NY) in cui osservare i quadri di Picasso e Van Gogh, oltre a moltissimi altri capolavori.

L’America è, per antonomasia, il luogo della multi-etnicità, un Paese di immigrazione e dalle culture intrecciate in modo affascinante, fatto di grandi sognatori con progetti innovativi. Per comprendere appieno il senso del vivere americano, però, è necessario immergersi nella vita quotidiana propria degli abitanti del posto, conversando magari in un pub o avendo piacere di visitare eventi a carattere più specificatamente locale.

esplorare gli Stati Uniti

Accortezze pre-viaggio: l’autorizzazione ESTA

A partire dal 2009, il governo degli Stati Uniti ha reso obbligatoria la presentazione di una richiesta di autorizzazione al viaggio per via di un sistema informatizzato denominato ESTA (Electronic System for Travel Authorization) il quale è stato posto in sostituzione del vecchio sistema di visto.

Chi dunque ha intenzione di viaggiare in territorio americano per esigenze di lavoro o semplicemente a scopo turistico, dovrà possedere determinati requisiti, tra i quali essere cittadino di un luogo iscritto a tale programma (l’Italia è uno di questi), avere un passaporto in corso di validità per tutta la durata della permanenza negli USA ed avere intenzione di restare su suolo americano per non più di 90 giorni.

In sede di compilazione, occorrerà inserire i dati personali richiesti, le cause specifiche dello spostamento, ed alcune informazioni inerenti l’idoneità del soggetto per ricevere l’autorizzazione. Fatto ciò, si dovrà attendere l’esito della richiesta, visionabile online e, una volta ottenuta l’autorizzazione, stamparla e presentarla al momento dell’arrivo in America, affiancata dal passaporto.

Per concludere, si tenga a mente che i periodi turistici per visitare gli Stati Uniti si dividono nel seguente modo:

  • l’alta stagione è considerata essere il periodo che va da giugno a settembre, oltre alle settimane di Natale;
  • si parla di mezza stagione da aprile a maggio e da ottobre a novembre, con un clima dai cambiamenti abbastanza repentini ma con panorami naturalistici al massimo della rigogliosità;
  • infine è ritenuta bassa stagione la fascia di tempo che va da dicembre a marzo, a causa dell’inverno estremamente rigido in buona parte dell’America settentrionale.

Per maggiori informazioni e approfondimenti, visitare: www.application-esta.us

Mamma di due bellissimi bambini, amante della vita. Adoro leggere e passo la maggior parte del mio tempo a girovagare in rete, alla ricerca di qualche cosa di interessante.

Rispondi