fbpx
Ven, 22 Mar 2019 04:42

La scuola che vorrei - il blog di Ylenia Agostini

Maestra per caso

  Dieci anni di ruolo quest’anno, tutor di una tirocinante, fine di un ciclo e, forse, inizio di un altro nella stessa, o in un’altra, scuola. Tempo di cambiamenti e bilanci. Quest’anno è il decimo che...

Quel giorno che il Preside fece il supplente

  Insomma, è un periodo che non ne va bene una: un piccolo ma delicato intervento chirurgico che mi ha messo k.o. per alcuni giorni, una tonsillite senza tonsille (ho vinto qualche cosa?) e ora...

Carnevale, frittelle e … pagelle!

Febbraio mese di maschere, Carnevale (anche se quest’anno slitterà a marzo) frittelle e dolci ma anche di pagelle e chiusura del quadrimestre. Per qualcuno è il giusto riconoscimento di mesi di fatica per altri...

Una nuova educazione alla sessualità

Leggo un post sull’invito ad estendere l’educazione alla sessualità alla fascia d’età 4-16 anni, rivolto dall’Ufficio Europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità alle scuole. Prima di leggere “il mondo” che si è scatenato dietro a questa...

Italiano come lingua straniera

  Leggo questo articolo da una collega e amica che mi passa la notizia: alcuni docenti in pensione bresciani affiancheranno i docenti di ruolo nella gestione delle classi con forte presenza di alunni extracomunitari. In...

Puzza di risparmio… ma una riflessione la merita

Il nuovo decreto che riguarda la scuola è stato approvato il 7 novembre 2013. Ci sono moltissimi provvedimenti su cui si può lecitamente discutere. Leggendo vari commenti sui più popolari link che trattano di scuola, si...

Voglio una scuola all’altezza dei sogni che ho

  “Voglio... un mondo comico voglio un mondo che faccia ridere un cielo comodo che qualcuno s'affacci a rispondere Voglio un mondo all’altezza dei sogni che ho, voglio volere…”  cantava Ligabue qualche anno fa. Sì, ma … quali sono i...

Bambini stranieri senza corsie d’ immissione

La scuola è un po’ come una stazione. C’è chi parte e chi arriva. Chi arriva a volte è italiano e a volte no. Noi insegnanti non siamo sempre pronti, anche se con l’inglese e il francese...

Finiamo il programma… o viviamo il programma?

L’attenzione assoluta va spostata sui bambini e su ciò di cui proprio loro hanno bisogno per crescere svegli. E il “programma” non va “finito” ma costruito, smontato, rimontato, vissuto. Le lezioni sono “occasioni “ per farsi...

Tante classi, una maestra e una scuola possibile

Ho letto da qualche parte che per capire qualcosa di un mestiere bisogna farlo almeno dieci anni. In fondo è la stessa storia di chi dice che per giudicare la vita di una persona...