Ciambella o visiera per lavare i capelli

Ultima modifica 15 Dicembre 2017

Si pensa che il bagnetto debba essere un momento piacevole per il bambino e per i genitori che si apprestano a farlo.

bambino che fa il bagnoMa non è sempre così.

Nella vita del bambino/neonato si alternano diverse fasi: quella in cui il bagnetto viene vissuto come un momento di gioco e di divertimento e così non appena il genitore si appresta a far scorrere l’acqua gli occhi del neonato si illuminano di gioia, e poi ci sono momenti in cui invece all’idea di dover entrare in acqua il bimbo inizia a strillare e a piangere come se il genitore gli stesse facendo qualcosa di male.

In genere, quando ci si trova a vivere questa fase, la paura maggiore del bambino è data dal fastidio provato quando l’acqua gli bagna la faccia e gli va negli occhi.

Il genitore ovviamente cercherà di ridurre i momenti in cui ciò avviene ma non è poi così facile lavare i capelli e la faccia al bambino e nello stesso tempo cercare di tenerlo fermo ed evitare che l’acqua e il sapone gli finiscano negli occhi.

Esistono però in commercio degli oggetti che possono aiutare il genitore in questo compito.

Uno di questi è la ciambella o visiera anti lacrime da mettere sulla testa del bambino prima del bagnetto.

visiera x lavare i capelli

Qual’è l’utilità di questo oggetto? Posizionata sulla testa del bambino questa ciambella evita che l’acqua gli entri nelle orecchie o negli occhi nel momento in cui l’adulto si appresta a lavargli i capelli. Il vantaggio per entrambi (adulti e bambini) è evitare spiacevoli scene di pianto ininterrotto o di continuo dimenamento che rendono il bagnetto un momento di difficile gestione.

La ciambella o visiera viene indossata come un cappellino e può essere utilizzata fin dai primi mesi per proteggere occhi e orecchie evitando che il sapone possa finire al loro interno.

Le forme e i colori possono essere diverse a seconda della marca che si decide di acquistare: c’è il banalissimo cerchio fatto di plastica atossica molto elastica che si adatta facilmente alla testa del bambino, oppure c’è la visiera multicolore o la visiera la cui forma richiama le zampette di un ippopotamo.

La modalità di utilizzo è la stessa indipendentemente dal modello scelto.

Laura Zampella

 

 

Rispondi