Commissione Scuola: rincari nidi rinviati al prossimo anno

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

 

Stamattina si è riunita la Commissione Scuola, subito dopo la sospensione dei rincari delle rette degli asili nido comunali degli ultimissimi giorni da parte del TAR.

iostoconipasseggini6

L’ordine del giorno, infatti, è stato proprio sull’analisi e sulla discussione concernenti la recente revisione tariffaria dei servizi asili nido.
Ebbene, diciamo che una vera e propria vittoria non è stata.

Ma andiamo con ordine.

Alla Commissione era presente anche il consigliere comunale Gigi De Palo, ormai instancabile sostenitore dell’organizzazione di genitori: #iostoconipasseggini. In quella sede si sono chiariti diversi punti, che avevano lasciato dei punti oscuri in seguito alla decisione presa dal TAR.

Le cose buone

Dal suo profilo facebook, De Palo fa sapere che:

<<… le famiglie che avevano rinunciato all’iscrizione a causa dell’improvviso aumento delle tariffe, potranno essere riammesse al nido. E ancora, chi aveva conseguentemente modificato la tipologia oraria potrà tornare a quella scelta precedentemente… Due buone notizie non da poco!>>

Infatti è così, non poche erano le famiglie che avevano fatto un passo indietro, vedendo che la situazione finanziaria famigliare era pesantemente variata, dall’ultimo bilancio estivo.
E questo è un bene, ovviamente.

Ma…

Rincari nidi rinviati al prossimo anno

Ebbene, il punto su cui momentaneamente non è stato fatto un passo indietro è che l’adeguamento delle rette e la conseguente perdita della gratuità per il terzo figlio, scatteranno automaticamente dal prossimo anno scolastico, vale a dire quello 2015-’16.

<<Su questo la maggioranza non ha alcun dubbio. Ho chiesto di lavorare seriamente sulle nuove tariffe proponendo di vederci tutti i giorni per tre settimane, ma la mia idea non è stata presa troppo in considerazione. La cosa che mi ha rattristato di più è che al posto della costernazione per aver messo in difficoltà le famiglie, in commissione regnava un clima del tipo: hai voluto tre figli? E adesso mica pretenderai la gratuità…>> continua De Palo.
In pratica, la stessa impressione che abbiamo avuto noi quando siamo andate ad incontrare i rappresentanti dell’assessorato alla Scuola un po’ di tempo fa.

La nostra battaglia non si ferma qui, perchè tale decisione presa dalla maggioranza non ci sembra affatto giusta, non tiene in considerazione le nostre reali motivazioni e il solo fatto di aver rinviato di un anno i rincari, non cambia di un millimetro la nostra posizione.

E come dice Gigi: <<Per questo c’è ancora tanta strada da fare. Proveranno a dividerci e a stancarci, ma – fidatevi – la nostra unica possibilità di vittoria è stando uniti e mantenendo il sorriso.>>

#iostoconipasseggini

Non molliamo!

Rispondi