Corso di disostruzione pediatrica

Ultima modifica 13 Novembre 2017

Ieri mattina, complice mio suocero, mi sono ritrovata iscritta un po’ a mia insaputa al corso di disostruzione pediatrica, tenuto dalla Croce Rossa Italiana, presso la scuola Nella vecchia fattoria.

Sono state due ore intense e interessanti, anche un po’ terrorizzanti, ma questo è perchè di base io sono una fifona, ma sono state necessarie: si riesce a prendere consapevolezza che le cose, belle e brutte che siano, possono toccare tutti in prima persona e che può capitare a chiunque di ritrovarsi in situazioni di emergenza in cui mantenere il sangue freddo, fare i passi giusti, e riuscire anche solo a chiedere aiuto nel modo migliore, può fare la differenza.

Le due ore sono iniziate con delle nozioni di base, nel momento in cui un neonato entra in casa. Nozioni che, a mio avviso, un qualsiasi corso pre-parto, o un qualsiasi reparto di maternità dovrebbe fornire a dei neogenitori.

E poi si è andati avanti, ascoltando diversi casi di emergenza con, ahimè, diversi esiti, a volte tragici.

Siamo stati sbattuti davanti alla realtà, davanti alle statistiche: muoiono ben 50 bambini l’anno per soffocamento, in pratica un bambino a settimana. Incredibile.

E una buona parte di questi bambini poteva essere salvata con le giuste manovre, il giusto tempismo, la giusta informazione.

Ringrazio mio suocero per avermi segnato a questo illuminante corso di disostruzione pediatrica, ringrazio il ragazzo che l’ha tenuto, un volontario appassionato, motivato ed efficace.

corso-disostruzione-pediatrica

Credo che continuerò il mio percorso… non solo perchè sono mamma di 3 bambini, questa sicuramente è la molla, ma perchè sono spesso a contatto con bambini, e non si può mai sapere nella vita, no?

Per avere tutte le informazioni necessarie a partecipare a questi corsi (quello informativo è GRATUITO) vi segnalo il sito della Croce Rossa Italiana e vi faccio notare che sul loro sito, sono in vendita dei body graziosissimi e utilissimi, guardate qua

morte in culla

Rispondi