Frozen è film campione d’incassi

0
237

FROZEN

C’era d’aspettarselo. Frozen – il Regno di ghiaccio è il film d’animazione campione d’incasso del 2013 ed è anche il film più visto tra i titoli usciti in Italia nell’anno appena trascorso. Solo io e la mia bambina lo abbiamo visto due volte al cinema e non vediamo l’ora che esca in dvd, per continuare a vederlo. E’ davvero un capolavoro della Disney. Ci ha conquistato fin dai primi fotogrammi.

Elsa
Elsa

Grande il cast stellare che ha contribuito a rendere più magica la versione italiana del film. Serena Autieri – che presta la sua voce a Elsa, la principessa diventata regina – dice che per lei interpretarla è un sogno di bambina che si è avverato ed io sono d’accordo con lei. Chi di noi non ha sognato almeno una volta di essere una principessa e di diventare regina. Le bambine di adesso tutte, dopo aver visto Frozen – Il Regno di ghiaccio.

Anna
Anna

Serena Rossi da’ la voce ad Anna, la sorella di Elsa. Per lei è la prima volta sul grande schermo e devo dire se la cavata benissimo. Io penso abbia dato al suo personaggio il giusto entusiasmo ed è entrata nel cuore dei grandi e dei piccoli.

Olaf
Olaf

Il posto d’onore però spetta a Olaf – il pupazzo di neve pasticcione – interpretato da Enrico Brignano. Lui è un buffissimo personaggio e insieme alla renna Sven ci hanno fatto ridere a crepapelle con i loro siparietti comici.

Il film è stato diretto da Chris Buck (Tarzan e Surf’s Up) e da Jennifer Lee (sceneggiatrice di Ralph Spaccatutto, il primo film visto al cinema da mia figlia!)

Frozen – Il Regno di ghiaccio è candidato ai Golden Globes® 2013 come Miglior Film d’Animazione e Migliore canzone originale con il brano “Let it go”.

Noi tutte (mamme e bambine) tiferemo per Frozen – Il Regno di ghiaccio che ci ha trasportato in un’epica avventura ricca di magia, divertimento e musica.

Paola Lovera

La redazione del magazine. Nato nel maggio 2013, da marzo 2015, testata registrata al tribunale di Milano. Mamme di idee rigorosamente diverse commentano le notizie dell'Italia e del mondo, non solo mammesche.

Rispondi