Pausa gioco. On line… ogni tanto, ci sta.

0
448

Ultima modifica 4 Febbraio 2016

Le mie giornate trascorrono tra famiglia e pc. Scrivo, mi diverto, giro nel web alla scoperta di nuove idee, di mamme interessanti che hanno qualche cosa da dire in linea con il mio modo di pensare, di vivere l’essere mamma. Ogni tanto, mi merito una pausa, mi faccio un caffè, o in questo periodo di freddo una fantastica tisana con lo zenzero, che adoro. Qualche biscotto non guasta mai, ma sono a dieta. Lo sono sempre, almeno ogni lunedì.

mama_giochi

Non amo molto la tv, evito di accenderla se posso, soprattutto quando sono i ufficio a lavorare.
Faccio la mia pausa davanti al pc, sentendo un po’ di musica oppure.. Giocando!
Io sono una maniaca dei giochi on line. Ne ho provati di tutti i tipi, ma il mio preferito resta sempre ‘il gioco delle bolle’ come lo chiama mia figlia. Eh si… Perché a volte, giochiamo insieme a mettere in fila le bolle dello stesso colore. E chi vince… Si merita un bacino!

Il vero problema è che una volta iniziato, non finiresti più!
Tra le altre cose ho trovato recentemente un sito dove i giochi sono tutti gratuiti, e ce ne sono davvero di tutte le tipologie. I giochi ‘con le bolle’ sono tantissimi, e diversi uno dall’altro. Dal più semplice, che oramai faccio ad occhi chiusi, al più difficile, dove arrivare al 3 livello è davvero un’impresa.

Però è divertente, e mi distrae per qualche minuto.
Certo, non bisogna abusarne, ma aiuta a rilassarsi e a non pensare.

Qualche giorno fa mia figlia ha scoperto i giochi di Frozen, ne abbiamo provati alcuni, ma ho dovuto prometterle che il prossimo week end avremo provato gli altri. C’è anche Violetta… ci sono tutti i suoi personaggi Disney preferiti.

Ovviamente anche in questo caso giocare al pc di mamma equivale a preparare te e biscotti di contorno, cercando di non sbrodolare sopra il computer. Ma ci divertiamo, ultimamente abbiamo anche iniziato a fare la cronaca del gioco. Non potete capire cosa esce fuori quando è la mia piccola a commentare mamma che gioca… ma vi lascio immaginare.

Rispondi