Gli amici di chicco

Ultima modifica 8 Febbraio 2018

Oggi si parte con una nuova avventura. Mi chiamo Elena, e sono…. un’amica di Chicco!

E chi è Chicco, direte voi.

gatti-bambini

Ebbene Chicco era il mio gatto che, dopo aver passato una vita in gabbia in un gattile è stato adottato da me e mio marito. Purtroppo, dopo solo nove mesi che era in casa con noi Chicco ci ha lasciato ed è volato altrove: tutti gli inverni passati al gattile purtroppo avevano provato il suo fisico e così ci ha lasciati soli, un po’ attoniti, tanto tristi e soprattutto molto arrabbiati.

In seguito a questo evento io e mio marito abbiamo deciso di fondare un’Associazione in sua memoria, gli Amici di Chicco appunto: la nostra “mission” è quella di promuovere le adozioni dei gatti adulti ed anziani dai gattili. Insomma, noi siamo convinti che l’amore non abbia età.

Spesso poi si decide di adottare dei cuccioli sulla base di pregiudizi e false credenze.

Esempio: spessissimo sentiamo dire “lo prendo piccolo così lo educo come voglio”. In realtà i gatti, così come i bambini del resto, nascono con delle caratteristiche genetiche ben definite e non tutti sono uguali. L’esperienza e l’educazione possono modificare a volte questi tratti ma non si può cambiare totalmente il carattere di un animale (o di una persona). Quindi, per assurdo, adottare un gatto adulto è l’azione che più di tutte permette di scegliere il gatto che più si adatta alle nostre peculiarità ed esigenze in quanto appunto il suo carattere è già manifesto.

E poi c’è quella paura per cui si pensa che i gatti adulti non possano affezionarsi alle persone, o ri-abituarsi alla vita domestica. Niente di più sbagliato, e chi ci è già passato, ovvero ha già adottato un gatto un po’ anzianotto, ve lo potrà ampiamente confermare. I gatti sono animali capaci provare riconscenza e affetto, soprattutto quando salvati da situazioni di difficoltà.

Spesso anche la convivenza animali bambini è ricca di pregiudizi, paure e false credenze. Ci piacerebbe moltissimo contribuire a fare un po’ di chiarezza e a sgombrare il campo… ecco perché da oggi potrete trovarmi anche su questo magazine.

Perchè in fondo, e noi ne siamo convinti, crescere insieme un amico animale è davvero un’esperienza unica per nostro figlio.
Ma deve essere fatto in maniera consapevole ed equilibrata.
Che dite, proviamo a farlo insieme?

Elena Angeli

Rispondi