Gnocchi di ricotta e borragine

Ultima modifica 29 Settembre 2016

La borragine si fa notare con i suoi meravigliosi fiorellini dal blu intenso che catturano lo sguardo, un’ erba spontanea, diffusa in tutta la penisola, soprattutto in terreni ben drenati e soleggiati, con le sue foglie ricoperte da una fitta peluria, inizia a fiorire in questo periodo e continua sino all’inizio dell’autunno.

Io la mia borragine ce l’ho vicino all’apiario, infatti le mie api “saltellano” felici tra un fiorellino e l’altro.

gnocchi di ricotta e borragine-ingrediente perduto

Borago officinalis : pianta erbacea annuale, appartiene alla famiglia delle  Boraginaceae.

Il suo nome ha diverse origini:

  • dal latino borra ad indicare un tessuto di lana ruvido, probabilmente in referimento alla fitta peluria che ricopre le foglie;
  • dall’arabo abu araq (= padre del sudore) a testimonianza delle proprietà sudorifere della pianta.

Plinio scriveva: «Un decotto di borragine allontana la tristezza e dà gioia di vivere».

Io, Borragine, porto sempre coraggio” questo è un vecchio detto tramandato dall’erborista John Gerard che nel 1597 scriveva delle proprietà della borragine.

Ho scoperto che nella cucina ligure viene utilizzata cotta, insieme ad altre erbe spontanee, nel ripieno dei pansoti, nelle torte salate e frittate, e quanto sono buone le frittelle di borragine!!!!

Una raccomandazione questa pianta va utilizzata cotta, e come tutti gli alimenti  va consumata con moderazione, senza eccedere.
Le foglie vanno cotte perchè, come altre erbe selvatiche contengono alcaloidi, e la cottura ne diminuisce la quantità in esse presenti.

Per ulteriori informazioni vi rimando a questo articolo.
 
Tranquilli non è una pianta tossica, ma la moderazione ed il buon senso vanno sempre osservati.

In questo periodo sto seguendo alcune lezioni di cucina e abbiamo fatto gli gnocchi di ricotta con gli spinaci, avevo questa bella borragine ed ho pensato di utilizzarla.

Un grazie speciale va allo chef  Domenico Balducci per avermi fatto conoscere questa preparazione.

DSC_4991OK

Ingredienti per 4 persone
( sono circa 5- 6 gnocchi a persona, dipende da quanto li farete grandi).

Vi servirà un mazzetto di foglie tenere di borragine per ottenere circa 200 g di prodotto lessato

  • 400 g di ricotta  fresca di bufala (io ho utilizzato quella dell’azienda Trionfi Honorati) ma potete sostituirla con quella di pecora oppure vaccina, anche se il gusto delle prime due, a mio parere, è veramente superiore.
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di borragine lessata ( ma anche spinaci, bietola ecc ecc)
  • 80 g di farina
  • 1 uovo intero
  • sale e pepe
  • burro
  • parmigiano grattugiato come finitura

Per la crema:

  • 100 g di borragine lessata
  • 200 g di panna
  • un po’ di latte
  • sale e pepe
  • olio
  • fiorellini di borragine

Preparazione degli gnocchi:

lavate la borragine e lessatela  in poca acqua, come si fa per gli spinaci, poi una volta cotta tritatela finemente.
Passate al setaccio la ricotta e unite a questa in una ciotola: il parmigiano, 100 g di borragine lessata, l’uovo intero, la farina, aggiustate di sale e pepe.

Imburrate leggermente una pirogfila da forno.

Mettete il composto in una sac a poche con  bocchetta liscia, oppure con due cucchiai formate gli gnocchi e metteteli nella pirofila imburrata.
Trasferiamo in forno preriscaldato a 140°per 10 minuti circa.

Mentre gli gnocchi cuociono prepariamo la crema di accompagnamento:
nel bicchiere del frullatore mettiamo la borragine lessata e tritata finemente, aggiungiamo la panna, latte, aggiustiamo di sale e pepe e frulliamo; trasferiamo poi il tutto su una pentola e lasciamo addensare un po’ a fuoco dolce.

Prepariamo il piatto per ogni commensale:
mettiamo sul fondo un po’ di crema poi ci trasferiamo gli gnocchi aiutandoci con una spatola, sopra una grattatina di parmigiano, un filo d’olio e qualche fiorellino di borragine come decorazione.

Un piatto dal gusto delicato, gradito anche dai bambini, il che non guasta.

Donatella Bartolomei

Rispondi