La nostra avventura a Legoland® Gunzburg

1
971

E’ solo verso la fine di maggio quando oramai manca pochissimo alla fine della scuola che inizio veramente a rendermi conto dei tre mesi ‘FANTASTICI’ che mi aspettano.
Tre mesi in cui è importante inventarsi qualche cosa. Non dico ogni giorno, ma quasi.
Punto primo. Le vacanze. Perchè da qualche parte si deve pur andare, no?

Mare? Si ma. Montagna? Anche… C’è da tenere conto che il figlio oramai novenne si deve anche divertire.

E se andassimo a Legoland®?

In macchina, ovviamente. Così prima passiamo dalla Svizzera che mamma farebbe volentieri un giro alle terme. Poi in Austria così portiamo il ‘piccolo’ di casa a vedere i luoghi dove e nato e vissuto Mozart. Infine arrivare in Germania, breve sosta a Monaco per un tuffo in piscina, e poi via verso Gunzburg.

Decidiamo di dedicare a Legoland® un solo giorno, certi che riusciremo a vedere tutto. Se avete tempo e voglia vi suggerisco di dedicarci due giorni. Riuscirete a vedere meglio tutto il parco.
Ovviamente ‘quel giorno’ ha deciso di piovere.
Ma come fai a dire a tuo figlio che sei arrivato fino li e poi passi oltre perchè.. piove?
Ci dirigiamo quindi al parco, un po’ preoccupati di non riuscire a salire su alcune ‘giostre’ per colpa del tempo.

Grazie al tempo abbiamo visitato il parco meravigliosamente!

Con il senno di poi invece il tempo va ringraziato.
Primo perchè ha tenuto fino alla fine, qualche goccia l’abbiamo sentita quando oramai era il momento di andare.
Secondo perchè proprio per il grigiore del cielo il parco non era pieno, e non abbiamo fatto le solite lunghissime code. Terzo, ma non meno importante, perchè non abbiamo sofferto il caldo. Cosa non da poco.

Ed eccoci qui. Pronti a scattare la prima foto. Siamo a Legoland®!

reportage legoland

Mappa del parco alla mano, iniziamo a pensare a come muoverci.
Ci sono più di 50 attrazioni e il parco è diviso in zone: Miniland, Lego City, Knights’ Kingdom, Imagination, Adventure Land, Pirate Land e Lego X-treme.

Primo dilemma: andiamo a destra o a sinistra? Destra ovviamente perchè la voglia di andare subito nella nuova area dedicata a Lego Ninjago è tanta.

legoland reportage con la famiglia

7000 mq di Ninjago. Pensate sia stato facile portarlo via?
Ecco. Appunto.
Una foto con Sensei Wu, Kay il Ninja Rosso e il suo preferito il Ninja Verde Lloyd. Intanto mi spiega chi sono e con la sua solita verve mi racconta gli episodi 1,2 3…

Poi c’è lo squalo. Non uno qualsiasi.
‘E’ quello di Garmadon, mamma’. 

Legoland

Ecco, se mi consentite un suggerimento, prima di andare a Legoland®, fatevi un ripassino generale sul mondo Lego. Eviterete brutte figure. Soprattutto quando in coda per un’attrazione vostro figlio vi chiede ‘ mamma lo sai chi è quello?? ‘.

Giocare mentre mamma e papà sono in coda

Avete presente quanto è dura chiedere ad un bambino di stare ‘fermo’ in coda?
Una cosa fantastica che ho trovato a Legoland® e che sinceramente mai avevo visto prima è il fatto che i bambini possono giocare con i mattoncini in ogni attrazione.

legoland

Se la coda è lunga, e a volte succede, c’è sempre uno spazio gioco dove i bambini possono divertirsi mentre mamma e papà fanno la coda. Io lo trovo fantastico.

Ma si puo’ fare davvero tutto con i mattoncini?

Se anche voi vi siete fatti almeno una volta questa domanda la risposta è SI.
Decisamente si. A Miniland ci sono le riproduzioni di numerose città europee costruite minuziosamente nei minimi dettagli. Foto ne potevamo fare tante, c’è una Venezia meravigliosa, ma lui è uomo di calcio, e il suo maggior interesse è per lo stadio.

legoland

C’ è tutto. Particolari compresi.
E con i mitici mattoncini si possono anche realizzare i nostri personaggi preferiti di Star Wars: Darth Vader, Darth Maul e Joda.

Le aree ristorno di Legoland®

Il cibo è un po’ come in tutti i parchi. Ci sono aree in cui si puo’ mangiare i panini portati da casa oppure ordinare panini, insalate, pizza, hot dog. C’è un self service con il classico menu bambini. Ci sono tantissimi chioschi con caramelle, dolci e gelati di ogni genere.
Se avete i bambini piccoli non preoccupatevi, c’è una zona dedicata con fasciatoi, scaldabiberon, microonde.. insomma tutto il necessario per i piccolissimi.

E poi ci sono loro: le patatine!
A forma di mattoncini ovviamente che ti servono sempre calde e con tantissima salsa.

legoland

Vi suggerisco di prenderle prima di entrare nell’area eventi, cosi potrete degustarle intanto che aspettate l’orario di inizio dello spettacolo, rilassandovi qualche minuto.

Ci sono ancora tantissime attrazioni da vedere a Legoland®.
Non aspettatevi il parco divertimenti pieno zeppo di attrazioni ad alto tasso di adrenalina e montagne russe vertiginose ( che comunque ci sono e sono veramente… particolari! ).
E’ i parco per gli amanti del mondo Lego di ogni età, dove andare almeno una volta.

L’attrazione preferita di mio figlio?

Il bionical. Fatta e rifatta più volte. Se non la trovate cercatela. Merita.
Ci sono 5 possibilità. Dalla più semplice a quella più difficile.
Indovinate quale ha scelto Angelo?

Prezzi, come acquistare il biglietto ( fatelo on line che conviene ed evitate le code) e come arrivare li trovate sul sito ufficiale.

Milanesedipendente, uno spiderfiglio a un marito che adoro. Sono una persona leale, cortese, pazza ma senza strafare, permalosissima e un po’ pignola. Avere a che fare con me non è semplice, ma se scatta la scintilla...

UN COMMENTO

  1. a me il bionical ha fatto paura a gurdarlo dall’esterno! A differenza vostra noi abbiamo trovato tante code, quindi siamo riuscite a fare poche attrazioni, ma ci siamo divertite tantissimo! (il papa’ purtroppo non stava benissimo e ci ha solo fatto le foto). Purtroppo non ho portato ne cambi ne’ costume da bagno, peccato, consiglio di portarli perche’ le attrazioni in cui ci si bagna sono divertentissime!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here