La nostra prima volta al Teatro San Carlino

Ultima modifica 22 Gennaio 2020

Sapevate che nel cuore del Pincio a Roma si trova il Teatro San Carlino, il Gran Teatro dei piccoli?
Io sì, ma prima di sabato pomeriggio non avevamo mai assistito ad uno spettacolo.

Teatro San Carlino

Siamo stati in occasione della Befana, arrivata appositamente al San Carlino con la Compagnia teatrale “Sette allegre risatelle”.

Lo spettacolo “Truciolo di legno e il miracolo della befana” era adatto ad un pubblico di piccoli e grandi.
Truciolo di legno, il nastro dorato che chiude i pacchi regalo, lavora nel negozio di giocattoli della Befana e ha un sogno segreto: vorrebbe essere un regalo per i bambini.
Tutti lo prendono in giro, compresa la Befana!

Un giorno Truciolo assiste alla scenata della Befana nei confronti di un bimbo povero che scappa piangendo. In quel frangente la Befana, che in fondo in fondo non è cattiva, si rende conto di essere percepita come tale ed entra in crisi.
Nel tentativo di cambiare questa dura realtà la Befana peggiora la situazione.

Disperata, le resta solo Truciolo di legno, che la ascolta e la consola. Grazie a lui la Befana riscoprirà l’importanza della fantasia e rivaluterà il suo ruolo. Riaprirà la sua attività ma questa volta a partire dalle cose semplici che aiutano i bambini.
A sviluppare la fantasia, che è quella cosa che ti fa fare ciò che vuoi con ciò che hai.

D’ora in poi il carbone finirà solo nelle calze dei bambini che non useranno la fantasia nella loro vita!

Subito dopo lo spettacolo ci siamo ricaricati con una piacevole merenda per ripartire con la baby dance e i giochi dedicati ai più piccolini.

Una festa che conclude il periodo natalizio con l’arrivo a sorpresa della Befana in persona!

I bambini curiosissimi di interagire con lei le hanno posto tante domande! Tante caramelle e selfie con i piccoli e non solo…

Quale migliore occasione per dipanare qualsiasi dubbio sulla sua identità?

Mattia si è divertito moltissimo durante lo spettacolo, i bimbi vengono sistemati su delle panche in prima fila (non ci sono poltrone o posti numerati) per fare in modo che possano godere di una vista migliore. Il teatro non è grandissimo ma risulta accogliente proprio per l’atmosfera familiare e cordiale che si ricrea.

Forse il prezzo del biglietto risulta un po’ alto rispetto ad alti teatri per bambini (si risparmia qualche euro acquistando il carnet o l’abbonamento sul sito) considerando che partecipano intere famiglie agli spettacoli. Il tutto però può essere ricompensato dalla splendida location, dall’unicità di un teatro di burattini e dal fatto che offre uno spazio esclusivo per festeggiare i compleanni.

Non perdete dal prossimo weekend e fino al 27 gennaio un attesissimo spettacolo, quello del Piccolo Principe: il Sabato alle ore 16:30 e la domenica alle 11:30 e 16:30.

Lo spettacolo è adatto a grandi e piccoli spettatori a partire dai 6 anni.

Uno spettacolo di marionette, robot, pupazzi, laser, musica elettronica e sogni.
Quello del Piccolo Principe è un viaggio.

Un viaggio attraverso le stelle che lo porterà fino alla Terra.

Il primo viaggio lo porta su un pianeta il cui unico abitante è uno strano geografo con quattro braccia e due occhi luminosi; il secondo volo lo porta a conoscere uno strano Re che crede di regnare su tutto e tutti ma in realtà non possiede sudditi. Poi il piccolo Principe parte alla volta del pianeta Terra dove spera di incontrare qualche umano con cui scoprire cose sconosciute.

Atterra nel deserto e ad accoglierlo c’è un serpente da cui apprende alcune informazioni sugli umani, poi trova una volpe da cui apprende il concetto di amicizia e poi finalmente un uomo: il signor aviatore a cui il Piccolo Principe insegnerà che l’essenziale è invisibile agli occhi!

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

Rispondi