La torta pasqualina

0
334

Tecnicamente è un semplice impasto di uova e di verdure in una sfoglia sottile, in pratica è un simbolo della Liguria, oltre che un piatto delizioso.

La tradizione vorrebbe che i fogli di pasta che compongono la torta pasqualina siano esattamente 33, in ricordo degli anni di Gesù.

La torta pasqualina

torta-pasqualina

Ingredienti

250 gr di farina

2 cucchiai di olio extra vergine di olive taggiasche
½ bicchiere di acqua fredda.

Per il ripieno
6 uova
6 carciofi (violetto di Albenga, ma anche altri)
1 cipolla
50 gr di parmigiano reggiano grattugiato,
300 gr di quagliata o di ricotta
1 manciata di mollica di pane bagnata nel latte e strizzata
1 cucchiaio di maggiorana fresca tritata

olio extra vergine di olive taggiasche

sale e pepe.

Procedimento per una perfetta Torta Pasqualina

Impastate la farina con l’olio, una presa di sale e l’acqua, lavoratela per una decina di minuti, fino a che non otterrete un impasto liscio. Avvolgetelo in un panno e lasciatelo riposare a temperatura ambiente.

Mondate e tagliate i carciofi (gambi compresi) a fette, mettere 2 cucchiai di olio e qualche cucchiaio di acqua in un wok, aggiungere la cipolla tagliata in quattro parti, coprite e lasciate stufare per 5 minuti; togliete la cipolla e aggiungete i carciofi mescolare e cuocere fino a che non diventeranno teneri.

Salate e scolate, mettendo sopra ai carciofi un peso, perché possano perdere il liquido.
Tritate grossolanamente e impastateli con la mollica, i formaggi, 2 uova, la maggiorana fresca, sale e pepe.
Spennellate di olio uno stampo a cerniera.
Prelevate dall’impasto ½ pugno di pasta, stendetela in uno strato sottile e foderate lo stampo con la sfoglia.
Preparatene altre 2 uguali e mettetele, sfalsate, sulla prima.
Lasciate che la pasta fuoriesca dai bordi di qualche centimetro.

Riempite lo stampo con ¾ del ripieno e formate, con il cucchiaio, 4 fossette e rompeteci un uovo intero.
Coprite con il ripieno rimasto.
Dividete la pasta rimasta in modo da formare tanti ‘veli’ che coprano il testo, appoggiarli uno dopo l’altro sulla torta, avendo cura di soffiare tra uno strato e l’altro con una cannuccia da bibite.
Ripiegate le sfoglie della base su quelle di copertura e spennellate con un tuorlo d’uovo il tutto.
Infornate a 180° per 80 minuti e poi accendete il grill per 5 minuti, per dorare la superficie.
Servite la torta tiepida.
Questa è la ricetta tradizionale, che, una volta comportava ben 33 strati di sfoglia, ora ci si accontenta di due o tre. Alcuni poi, usano la pasta sfoglia surgelata, o erbette, bietole o spinaci per il ripieno. Non è la stessa cosa, ma…

Buon appetito!!!

Sono una giovane ragazza dai capelli bianchi, un vulcano di curiosità con una voglia irrefrenabile di sorseggiare la vita, una fantasiosa e interessante signora piena di voglia di fare, dire, raccontare, condividere.

Rispondi