Le app educative di KidzInMind

Ultima modifica 7 Febbraio 2018

La paura di noi genitori quando nostro figlio ha a che fare con la tecnologia è che possa imbattersi in prodotti non adatti alla sua età. La mia piccola, quattro anni, di tanto in tanto ‘copia’ la sorella grande e prende il cellulare di mamma. Fa finta di giocare, perché di fatto lei, per fortuna, è ancora poco tecnologica.

Una cosa che adora è aprire la ‘sua applicazione’ KidzInMind.

banner3

L’abbiamo scoperta qualche tempo fa, grazie ad una email in cui ci presentavano il servizio. Siamo subito andati a curiosare, abbiamo scaricato l’app ed abbiamo iniziato a girovagare.

Da brava mamma sono rimasta piacevolmente colpita quando, una volta aver scaricato l’app, gratuita, per poter proseguire si doveva accedere ad una sorta di parental control. Abbiamo provato a cliccare tutto, ma per poter procedere veniva richiesto il risultato di un’operazione (3×4) e solo se inferita correttamente si poteva proseguire.

banner2

KidzInMind è un sito, una community, un parco giochi digitale per bambini under 6, selezionate da genitori e pedagoghi. Della community fanno appunto parte genitori e nonni che grazie al loro lavoro ci garantiscono un ambiente protetto e sicuro dove far giocare i nostri bambini. Non solo gioco, ma anche app educative.

Nessuna pubblicità, nessun link esterno.

Inoltre c’è una funzione che permette di impostare il tempo limite di gioco, e che non consente al bambino di uscire dalla app senza inserire nuovamente il codice di sblocco.

banner5

Una certezza in termini di sicurezza. Ecco perché KidzInMind ha ricevuto nel dicembre del 2014 il premio come “Best Mobile Appfor Children and Toddlers, la speciale ed importante certificazione kidSAFE che attesta la sicurezza dei contenuti e il controllo dei collegamenti internet.

Con KidsInMind siamo sicuri che i nostri figli navighino in tutta sicurezza, divertendosi ed imparando qualche cosa ad gin collegamento.

Che ne dite di provare e scaricare l’app? La trovate qui!

Noi intanto andiamo a giocare!

Valentina MinettiBuzzoole

Rispondi