Mamme proteggete le vostre parti di Se’, in vacanza e non.

0
36

La scorsa settimana abbiamo fatto una riflessione concernente il significato delle vacanze dal punto di vista dei bambini o dei ragazzi.  E per le mamme? Che valore hanno le vacanze? Che cosa vi aspettate in merito? Scrivo questi pensieri poiché alcune mamme riportano la sensazione di essere intrappolate all’interno del circolo vizioso “lascio o non lascio il mio bambino”. Alcune mamme, stanche dall’anno trascorso e dalle mille faccende di cui si sono occupate, esprimono il chiaro desiderio di avere dei momenti per se’. Questo vuole significare il potersi ritagliare degli spazi propri, facendo sì che il proprio bambino venga accudito da qualcun altro. Queste mamme non sembrano soffrire di sensi di colpa o altre preoccupazioni a riguardo. Per queste mamme sembra molto semplice bilanciare il tempo per la famiglia con il tempo per se stesse. Ci sono altre mamme, tuttavia, per le quali risulta più complesso arrivare a questo equilibrio. Queste esprimono la loro fatica a lasciare il loro bambino poiché sommerse dal relativo senso di colpa. È come se sentissero di fare un torto al proprio figlio o figlia legato all’essere fisicamente presenti e disponibili ma ahimè non accessibili a causa del desiderio di spazi propri. Spesso sono quelle mamme che, intrappolate in questa dinamica, non riescono a dare valore né all’uno né all’altro interesse, ovvero faticano a dedicare il tempo alle proprie cose personali e nello stesso momento anche alla famiglia. Voi che tipo di mamme siete? Riuscite ad avere un giusto equilibrio tra l’essere mamma ed essere donna? Come lo avete costruito? Io penso lo si possa coltivare e costruire cercando di non perdere queste due parti di sé. Le si perdono se vengono trascurate: se vi è l’onnipresenza dell’essere mamma viene dimenticato l’essere donna e viceversa se vi è l’onnipresenza dell’essere donna si rischia ahimè di dimenticare l’essere mamma. Per non cadere in tale difetti penso sia cruciale proteggere queste parti di sé come se fossero dei piccoli semi: ci si deve dedicare giornalmente alla cura delle stesse anche solo per qualche minuto al giorno. Questa metafora vuole dunque ricordare a tutte le mamme di curare e proteggere queste piccole e grandi parti di sé, affinché ci si possa godere banalmente anche solo il periodo delle vacanze.

Sono mamma di una splendida bambina. Terapeuta EMDR, Psicoterapeuta (specializzata in psicoterapia dell'infanzia, dell'adolescenza e delle coppie), Consulente per il Tribunale di Varese in materia di separazione/divorzi e Formatrice in progetti di prevenzione al maltrattamento ed abuso infantile. La psicologia non è solo un lavoro ma una vera e propria passione.

Rispondi