Mi piace se ti muovi: quando l’animazione, anima i genitori

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

Di tipologie di animazione per le feste dei nostri bimbi, in giro, ormai se ne trovano a tonnellate.
Ognuna punta su aspetti differenti e ciascuna è più o meno efficace, basta saper scegliere bene e affidarsi, soprattutto al passaparola, che funziona sempre!

Alcune tipologie di feste puntano più sul “zompa-zompa” e sullo sfinire fisicamente i bambini, che va benissimo, altre su aspetti più creativi e manipolativi (ma qui, i bimbi non devono essere troppo piccini), altre ancora fanno del vero e proprio spettacolo: scene di cabaret, con copione per lo più improvvisato e che coinvolge tutti, ma proprio tutti tutti tutti gli invitati, anche e soprattutto i genitori dei bimbi.

Ma, attenzione: la riuscita di questo tipo di animazione è direttamente proporzionale all’esperienza e all’affiatamento dello staff a cui affidiamo la festa dei nostri bimbi.
Ecco, a tal fine, vi suggerisco caldamente di provare, anche solo per una volta l’animazione Mi piace se ti Muovi.

Non ci credete?
E ora vi spiego cosa fanno ste pazze qua!

A parte i soliti giochini di intrattenimento iniziale e di “riscaldamento” dell’ambiente, con tanto di truccabimbi e via discorrendo, oltre al classico scarta-la-carta, cose che piacciono sì ai bambini, ma non si sentono più di tanto coinvolti, soprattutto se si sentono ormai già “grandi”, la festa si anima quando comincia il loro spettacolo di marionette.

Qui, le risate sono assicurate per tutti. Lo humor viene colto a più livelli e si gioca parecchio anche sul tipo di risposta che si coglie dal pubblico stesso.
E poi… comincia il bello: il coinvolgimento dei genitori.

Quando i bimbi vedono le proprie mamme travestirsi in maniera veramente buffa (per non dire ridicola!) e cominciare a ballare sulle note del “Pulcino Pio”, sfido io chiunque a non sganasciarsi dalle risate. Il tutto è poi condito dalle argute osservazioni e sottolineature dell’animatrice che dirige un po’ il tutto.

Ma non finisce qui… il bello, il veramente bello di tutto, entra in campo quando sono i papà chiamati a partecipare allo spettacolo: la scena diventa completamente loro, e allora…
Non voglio svelarvi di più, io rido al solo pensiero!

I bimbi si divertono da matti. E, che ve lo dico a fà, anche noi genitori!

Questa situazione, poi, aiuta a creare un clima veramente simpatico anche tra noi genitori, che magari, prima non ci si conosce tutti, poi il cammino diventa in discesa: una volta diventati colleghi di palcoscenico, si abbattono le barriere e si diventa complici!

Una chiave di divertimento molto carina e di sicuro effetto, i bimbi ne continuano a parlare per giorni.

Micaela

Rispondi