Modena, nasce il condominio solidale

Ultima modifica 6 Novembre 2015

 

A Modena apre il “Condominio solidale”.  Sono stati inaugurati 26 miniappartamenti protetti con servizi destinati all’affitto a canone calmierato ad anziani, persone con problemi di autonomia e famiglie.

modena3

Lo stabile di via Gottardi, di proprietà del Comune e utilizzato in precedenza come residenza universitaria, si compone di due palazzine di tre piani, dotate di ascensore, con quattro appartamenti ognuno, cui si aggiungono due appartamenti al piano terra con accesso indipendente. Dei 26 alloggi, 20 sono destinati a singoli o coppie di anziani e disabili adulti lievi o medio-lievi in possesso dei requisiti, che presentano problematiche correlate alla solitudine e alla fragilità delle reti parentali o difficoltà concrete legate alla gestione dell’abitazione e al disbrigo di attività esterne.

Per procedere all’assegnazione sarà diramato un avviso pubblico. I sei appartamenti rimanenti saranno assegnati a famiglie, preferibilmente con bambini, disponibili a stringere un “patto di solidarietà“, cioè a dedicare tempo per garantire agli anziani e disabili dello stesso pianerottolo alcuni interventi di aiuto.

In particolare, dovranno impegnarsi a svolgere attività di primo intervento attivando altri servizi e attività tra cui i servizi sanitari e, per fare ciò, almeno un componente delle famiglie solidali dello stabile dovrà essere sempre presente, in particolare nel fine settimana e nel periodo estivo. Con turnazioni programmate, le famiglie dovranno garantire l’apertura dei locali condominiali anche con la presenza e il coinvolgimento nelle attività gestite dai gruppi di volontariato e dalle associazioni. I nuclei saranno individuati attraverso gli elenchi dell’Agenzia Casa del Comune e saranno orientati attraverso colloqui e interventi formativi.

Nel “Condominio solidale” sarà inoltre presente un servizio di portierato sociale per gli interventi tipici di gestione condominiale, come la stesura del bilancio per le spese comuni, la corretta manutenzione degli immobili, degli spazi verdi e di quelli comuni. Negli spazi condominiali comuni, inoltre, gruppi e associazioni di volontariato presenti sul territorio potranno organizzare attività capaci di attirare l’interesse dei residenti del condominio, delle vie limitrofe e dell’intero quartiere.

modena2

I Servizi sociali accompagneranno gli abitanti nello sviluppo del progetto e coordineranno le attività di portierato e delle famiglie solidali attivando periodici tavoli di confronto.

Il progetto mira di fatto a sviluppare forme di solidarietà in un’ottica di rapporti di buon vicinato e di reciprocità tra condomini. Le stesse persone in situazione di fragilità potranno diventare una risorsa grazie al tempo disponibile da dedicare agli altri.

La struttura, in collaborazione con la rete dei servizi socio-sanitari e della solidarietà cittadina, ha l’obiettivo di valorizzare e stimolare le capacità relazionali e le risorse individuali degli abitanti. Mira a sostenere la domiciliarità e la vita indipendente di anziani e disabili, e a evitare o ritardare la necessità di percorsi di istituzionalizzazione, attraverso la possibilità della persona di rimanere all’interno della propria abitazione o del proprio ambiente di vita, con prestazioni accessorie di servizi assistenziali domiciliari, mensa, lavanderia, portierato sociale e altro.

Paola Lovera

Rispondi