Dopo un anno, siamo tornati al concerto con mamma e papà

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

E’ trascorso quasi un anno, da quando siamo andati l‘ultima volta ad uno dei concerti di mamma e papà, la rassegna concertistica per bambini piccolissimi che si tiene ogni terza domenica del mese presso l’associazione Musica Nova, su via Cassia 927.

di-concerto-con-mamma-e-papà

Sin dall’anno scorso andavo con Massimo, il mio bimbo più piccolo, non aveva neanche due anni compiuti quando abbiamo cominciato ad assistere a questi concerti.
Lui è sempre stato molto attento, emotivamente coinvolto, preso, concentrato, rapito, silenzioso. Evidentemente stava elaborando le informazioni che gli venivano trasmesse attraverso la musica, che venivano veicolate dai suoni e dagli strumenti utilizzati, per cercare di arrivare ai bambini, piccolissimi, l’anno scorso erano ammessi i bimbi da 0 a 3 anni, mentre quest’anno possono assistere anche i bimbi fino a 5 anni.

Musica metodo Gordon

Il metodo utilizzato in questi incontri è studiato apposta per essere fruibile dalle menti malleabili, curiose, spontanee e aperte dei bambini. Il metodo non prevede alcun tipo di risposta da parte dei bambini, non ci sono aspettative, non esiste un bambino che risponde in maniera corretta e uno no, esiste soltanto il piacere di ascoltare la musica, che fa bene a tutto: sia al corpo e sia allo spirito. E questa è la chiave giusta per arrivare a toccare le corde più sensibili dei bambini, che sono senza infrastrutture e pregiudizi, senza binari e senza schemi. Questa è quella che si chiama Libertà.

E così dovrebbe rimanere. Senza aspettative.

Ecco, dicevo, siamo tornati dopo un anno.

Anche se era trascorso svariato tempo, Massimo sembrava aver riconosciuto i luoghi, le persone, si ricordava esattamente dove ci mettevamo e in che posizione ci accomodavamo per ascoltare la musica.

Ed è rimasto buono buonino, esattamente come un anno fa, ad ascoltare… ma questa fase di ascolto silenzioso è durato poco.

A differenza dell’anno scorso, dopo un po’ si è alzato, si è avvicinato agli altri bambini presenti, alla concertista che suonava ora il pianoforte, ora il flauto e ora la fisarmonica.

La sua curiosità e la sua voglia di esplorare e sperimentare sono aumentate esponenzialmente: è un bimbo più sicuro di sè, che non si guarda più tanto indietro per vedere dove sta la mamma, ma che parte per la sua strada, perchè la voglia di capire e di trovare una propria dimensione è decisamente superiore a quella di rimanere in braccio a mamma ad ascoltare.

Perchè il divertimento che si prova a saltare e ballare a tempo di musica, o a giocare a far la lotta come cavalieri con l’armatura con gli altri bambini, o a correre felici sotto il paracadute colorato che porta musica è tutta un’altra storia che rimanere immobili in braccio a mamma ad ascoltare.

Perchè è cresciuto. Ed è cresciuta la sua voglia di musica.

Perchè percorrendo questo tipo di cammini insieme, condividendo questo tipo di esperienze con il proprio figlio, si riescono a focalizzare e a capire certe dinamiche di crescita, che altrimenti, andrebbero perse… e sarebbe davvero un gran peccato!

Un momento di crescita e di coccole che mi fa sempre piacere rivivere, un momento esclusivo solo per me e per lui.

Per chi non avesse mai provato, suggerisco di provare, anche soltanto una volta.

Appuntamento quindi ogni terza domenica del mese.
Per tutte le informazioni necessarie, per prenotazioni e costi:
Musica Nova
sito web: http://www.musica-nova.it/corsi_in_sede/2014_2015/concerto_mamma_e_papa.asp

mail: info@musica-nova.it
tel. 06.30361100
fax 06.45445725
cell. 329.3624542

Micaela

Rispondi