Il piano del parto

0
32

Emozioni, aspettative, preoccupazioni, sensazioni, dubbi… sono tutti elementi che caratterizzano il vissuto della coppia durante la gravidanza.

I mesi che precedono la nascita sono fondamentali per assumere la consapevolezza di ciò che sta avvenendo e che avverrà, per chiedersi “quale nascita vorremmo per il nostro bambino?”.

La nascita é una combinazione tra responsabilità e diritti della donna, del neonato e della triade.

Dovrebbe quindi venire spontaneo informarsi e interrogarsi, con l’aiuto dei professionisti che ruotano intorno alla nascita, su quali siano i propri desideri e aspettative.

Il “Piano del Parto” nasce con l’intento di pianificare delle scelte importanti, che provengano da una profonda consapevolezza e condivisione.

piano del parto

Si basa sulle 15 raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per la partoriente.
E’ una proposta scritta e firmata, che la donna rivolge alla struttura ospedaliera o alla propria ostetrica e che contiene i desideri e le aspettative per il parto e per i giorni successivi.

Il primo passo è scegliere il luogo del parto: in ospedale, in casa o in casa maternità.

Non è una scelta scontata, ma deve essere ragionata pensando al tipo di nascita desiderata, conoscendo le ostetriche, visitando le strutture e gli ambienti, raccogliendo informazioni di carattere clinico (numero di parti, percentuale di tagli cesarei, percentuale di episiotomie, analgesia al parto..). Una volta scelto si può pensare e scrivere il Piano del Parto.

E’bene procedere con ordine, riflettendo su travaglio, parto, post-partum, cure al neonato e primi giorni di puerperio.

Questi possono essere alcuni esempi su cui riflettere.

Travaglio:

  • Chi vorrei accanto a me
  • Poter mangiare e bere liberamente
  • Poter muoversi liberamente scegliendo la posizione più comoda
  • Poter monitorare il battito fetale ad intermittenza
  • Poter rompere le acque spontaneamente
  • Poter usare ausili quali vasca, palla, sgabello,musica..
  • Non avere l’ago cannula e flebo che mi accelerino il travaglio
  • Non essere depilata o subire clisteri
  • Ridurre le visite interne al minimo indispensabile
  • Poter avere un ambiente intimo (luci soffuse, clima sereno, poco via vai..)
  • Poter attenuare il dolore con: bagno-doccia, massaggi, respirazione, vocalizzazione, oli essenziali, musica, epidurale..

Parto:

  • Poter scegliere al momento la posizione in cui partorire (accovacciata, a carponi, semi-seduta, in piedi, sdraiata sul fianco o sulla schiena, in vasca, sullo sgabello..)
  • Poter alternare le posizioni
  • Poter spingere liberamente, non a comando
  • Vorrei che non fosse effettuata l’episiotomia
  • Poter avere un ambiente calmo, intimo e silezioso
  • Vorrei evitare interventi operativi o invasivi (ventosa ostetrica, kristeller..)

Post-partum:

  • Poter avere il bambino pelle a pelle subito dopo il parto
  • Vorrei che il cordone fosse clampato e reciso dopo che ha smesso di pulsare
  • Vorrei che il bambino fosse lavato e pesato dopo almeno le prime 2 ore dal parto
  • Vorrei partorire la placenta in modo naturale, rispettando i tempi

Cure al neonato:

  • Poter eseguire/non eseguire/posticipare le profilassi (vitamina k, esami di routine..)
  • Vorrei che non venga dato al bambino il biberon con il latte in formula senza il mio consenso
  • Vorrei che non fosse dato al bambino il ciuccio
  • Vorrei allattare/non allattare il mio bambino

Puerperio:

  • Poter tenere il neonato con me in stanza 24 ore su 24
  • Poter andare a casa il prima possibile

L’ultimo passo è condividerlo in modo costruttivo con i professionisti.

Pensare alla nascita è un diritto ma anche una grossa responsabilità: la gravidanza, la nascita e il primo contatto, condizionano notevolmente la personalità di un individuo e la sua modalità di relazionarsi.

Essere consapevoli e partecipi delle proprie scelte è uno dei regali più importanti che i genitori possano fare al proprio bambino.

Mi chiamo Chiara, Mamma (innamorata della splendida Camilla), Moglie, Donna e Ostetrica. Quattro semplici parole che mi descrivono e che racchiudono in sé l’essenza e l’esperienza della mia vita.

Rispondi