Susan Sarandon, guai a chiamarla nonna

Ultima modifica 4 Settembre 2017

 

Ce la vedete la grande attrice, Susan Sarandon, nonna? No? E, a quanto pare, neanche lei si sente tale.

Susan-Sarandon
La Sarandon, mito per tante generazioni, sta per diventare nonna, per la prima volta, e non ci si sente affatto.
Infatti, sua figlia Eva aspetta una bambina e lei è felicissima ma, guai, guai seri se qualcuno dovesse mai chiamarla “nonna”.

Lei non vuole assolutamente che ciò accada e ha già pensato a un’alternativa. Ha  escogitato un altro nome: “Honey”, ovvero, “miele”, dolcezza e roba del genere. Dice che ha preso in prestito questo nome da una sua cara amica, la cui nonna veniva chiamata così, “Honey”, appunto.

E dice che Eva, la figlia, sia d’accordo con lei e che la cosa le piaccia pure, della serie: «basta che questa qua sta zitta, se no chi la sente?»

Mi sembra di aver colto questa sfumatura, voi no?

Dice che per gli altri nonni, ormai al settimo nipote, la cosa non cambia poi molto, come se essere nonni, fosse una specie di abitudine, un modo di essere che “dequalifichi”. Boh.

Che delusione, però, no? Non c’è niente di più dolce della parola “nonna”, rievoca tutto un mondo, fatto di coccole, tenerezza, giochi, vizi, storie. Vabbè. Chiamatela “Honey”, please.

Micaela – Le M Cronache

 

Rispondi