Tragedia al porto di Genova

Tragico incidente avvenuto nel Porto di Genova alle 23 di martedì notte: la poppa della porta container Jolly Nero, della linea Messina ha colpito in pieno la torre di controllo del Porto, una struttura in cemento alta oltre 50 metri.

7 morti accertati, 4 feriti, 2 dispersi. Dagli accertamenti finora effettuati sono complessivamente 13 le persone coinvolte nell’incidente.

Le 7 vittime accertate sono: Daniele Fratantonio, 30 anni, di Rapallo; Davide Morella, 33 anni, di Biella; Marco De Candussio, 40 anni, di Lavagna, originario di Barga (Lucca); Giuseppe Tusa, 25 anni, di Milazzo, tutti e quattro militari della Guardia Costiera; il pilota Michele Robazza, 31 anni, di Livorno; l’operatore radio dei rimorchiatori Sergio Basso, 50 anni, di Genova; l’operatore radio dei piloti Maurizio Potenza, 50 anni, di Genova.

I due dispersi: mancano all’appello il sergente Gianni Jacoviello, 33 anni, della Spezia, e il maresciallo Francesco Cetrola, 38 anni, di Santa Marina in provincia di Salerno.

I 4 feriti sono Enea Pecchi, 40 anni, di Pavia, in prognosi riservata; e Raffaele Chiarlone, 36 anni, di Cuneo. I due ricoverati al Villa Scassi di Sampierdarena sono Gabriele Russo, 32 anni, di Messina; e Giorgio Meo, 35 anni, di Taranto, ritrovato sotto le macerie della torre.

Sull’incidente in porto, la Procura di Genova ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo.
Il comandante della Jolly Nero è indagato con l’ipotesi di reato di omicidio colposo plurimo e la procura della Repubblica ha disposto il sequestro della “scatola nera” della nave.
Il sindaco Doria ha proclamato il lutto cittadino.

Sarà un’altra delle tante tragedie italiana delle quali non si saprà mai la verità? Noi vi terremo aggiornati…

Rachele Masi

Rispondi