L’autobus non passa mai… twittalo a @infoatac

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

infoatacLa mobilità a Roma è ‘na tragedia, lo sanno i Romani, lo sanno i turisti e gli erasmus, lo sanno i pendolari che ogni giorno si avventurano per le vie della nostra meravigliosa città… soprattutto lo sa chi lavora a @infoatac e @infoatac2.

I due account twitter dell’Atac che quotidianamente rispondono con i cinguettii alle urla da rapace degli utenti.

Il servizio funziona, sono precisi, puntuali e competenti. Informano veramente i ragazzi che battono sulla tastiera per un vero servizio clienti.

Però a volte maggior precisione non guasterebbe.

 

Colli Albani e Ritorno

Oggi appunto mi è capitato di dover aspettare un autobus fantomatico il 118 davanti a Petroselli, ex anagrafe, e dopo 35 minuti di attesa in cui ho dovuto frenare i miei 3 figli dallo smontare le palette dell’autobus, ormai esasperata dai minuti segnalati dalle app ufficiali e non ufficiali della mobilità a Roma, ho twittato @infoatac:

 

  Notate che ho scritto siamo a Petroselli, ma comunque aritwitto per capire come arrivo dove devo arrivare…  

Ecco leggete bene… 660, Colli Albani!

Ma tu o @infoatac che lavori pure il 25 aprile, e te ne sono grata, ma mi vuoi chiedere a quale punto del Parco dell’Appia Antica devo andare? Invece di mandarmi quasi all’Appia Pignatelli… dove io proprio non ci volevo stare. Ma proprio no. E invece,  siamo arrivati a Colli Albani ammorbando tutti i poveracci che sono stati nostri compagni di viaggio nonostante non volessero ve lo assicuro.

E arrivati li? Siamo tornati indietro con lo stesso Bus con cui ci eravamo andati.  Per riprendere un altro autobus… e finalmente arrivare al n. 42 dell’Appia Antica, all’inizio per capirsi. 

A te santo lavoratore @infoatac che già ne senti tante, ne leggi ancora di più, ma sei l’unica certezza della mobilità sgangherata di Roma, perchè rispondi sempre… ma leggili i tweet precedenti quelli che ricevi, ti manca solo questa pignoleria.   

E il viaggio della speranza diventa più leggero. 

Arianna Orazi

Rispondi