Antonio Manganelli è deceduto a Roma

0
444

Ultima modifica 20 Marzo 2013

Questa  mattina è deceduto a Roma il capo della Polizia Antonio Manganelli. Il 24 febbraio era stato ricoverato nell’ospedale San Giovanni di Roma per la rimozione di un edema, conseguenza di un’emorragia cerebrale, ma è stato stroncato da un’infezione ospedaliera, contratta nella rianimazione dell’ospedale romano.

Nella sua lunga e brillante carriera ha lavorato accanto a validi magistrati come  Giovanni Falcone,contribuendo alla cattura di alcuni dei latitanti più ricercati e pericolosi.

Il 25 giugno 2007 il Consiglio dei ministri lo aveva nominato Capo della Polizia.Un polizziotto duro, ma anche umano, che ha avuto il coraggio di chiedere scusa per alcuni, discutibili, gesti della polizia: il tifoso ucciso da un agente della stradale, il giovane massacrato di botte in un commissariato, il bambino strappato alla madre davanti alla scuola, ma soprattutto per i fatti del G8 di Genova, per le violenze alla Diaz nel 2001.
Ha lottato fino alla fine ma stavolta non è riuscito a sconfiggere il suo peggior nemico!

Rachele Masi

Rispondi