Bad Boys for Life: avventura, esplosioni, pallottole e cazzotti. Da vedere con i bambini?

0
1210

Li abbiamo attesi tanto tempo e finalmente sono tornati: Bad Boys for Life dal 20 febbraio al cinema!

bad boys for life

Terzo capitolo della saga iniziata 25 anni fa, che ha incoronato Will Smith e Martin Lawrence come la coppia di poliziotti più cool degli anni ‘90.

Ironici, capaci di litigare tra di loro con delle pistole puntate in faccia, partners ma anche di più, fratelli si definiscono.
Tornano sul grande schermo, con lo stesso piglio.
Sono al servizio dell’azione e al tempo stesso della comicità.
Tra avventura, esplosioni, pallottole e cazzotti, la coppia continua a farsi amare.

L’alchimia tra i due non è mai sparita, e torna prepotente a catturare lo spettatore tra ricordi nostalgici degli anni novanta. Una Miami assolata, le camice a fiori, kilometri di lungomare e palme e una colonna sonora intrisa di hip- pop, reggae e latino, sottolineano le origini di questo terzo capitolo. Sono 25 anni che ci conosciamo, commentano i detective dall’aspetto indubbiamente invecchiato, i bad boys non sono più tanto boys.

Perchè gli anni passano, ma il film sembra non averli mai cambiati.

Marcus Burnett (Lawrence) è in piena crisi dei 50 anni.Un matrimonio felice ma stanco, la nascita del primo nipotino, lo portano a fare i conti con la vita, e decide di concedersi la meritata pensione.

Mike Lowrey (Smith), adesso ispettore, single da sempre, circola ancora per Miami sfrecciando con le sue auto di lusso, conservando il ruolo dell’eterno scapolo benestante.
Sarà una sparatoria che lo vede coinvolto, a far decollare il film.

In una guerra contro la legge, un narcotrafficante di Miami, pilotato dalla madre, ( una spietata assassina messicana detta la bruja), giura vendetta per il fratello ammazzato molti anni prima, e Lowrey c’entra qualcosa.

Una raffica di omicidi vede coinvolto anche il Capitano Howard, (Joe Pantoliano), da sempre accanto a Burnett e Lowrey, una sorta di padre professionale.
Burnett non può tirarsi indietro, e decide per un’ultima volta insieme.

Insieme per risolvere il caso, intimamente coinvolti.

Non firma la regia Michael Bay, che ci concede un cameo in una scena, come a voler benedire comunque il film diretto dai giovani Adil El Arbi e Bilall Fallah.
Che non osano e non sbagliano, fedeli alle regole dell’action movie: lunghe sequenze di inseguimenti, esplosioni, sparatorie, sempre condite di ironia, marchio di fabbrica della saga dei bad boys.

La coppia fa ridere anche solo impressa in un fotogramma, e ci regala dei siparietti veramente esilaranti. Funzionano ancora, e non era scontato.

Non a caso, negli Stati Uniti, in sole tre settimane il film ha incassato 148 milioni di dollari, segnando il record di incassi.

Come andrà nelle nostre sale?

Non resta che aspettare il 20 Febbraio, data di uscita del film, se cercate azione e divertimento, allora è il film che fa per voi!

#Spaventometro 8

Se pensiamo ai ‘bambini’.
Anche se da sempre i poliziotti contro i cattivi affascinano il pubblico dei più piccoli, che si immedesimano in questa lotta contro il crimine.
Sembrano onnipotenti, vincono sempre, sfuggono alle pallettole, alle esplosioni, e con un colpo destro atterrano l’avversario!
Ma forse… dato il genere, per i più piccoli è eccessivo.

Consiglio il film alle ragazze e ai ragazzi dai 14 anni in sù, alcune scene non risparmiano sangue e violenza esplicita, ingredienti per un action movie perfetto.
E per loro lo spaventometro scende a 3!

In fondo… chi di noi non vorrebbe essere un detective a Miami!

Bad Boys For Life
Trailer
Regista Adil El Arbi, Bilall Fallah
Genere Azione
Anno 2020
Durata 123 min
Data di uscita 20 febbraio 2020
Distribuzione Sony Pictures Italia / Warner Bros. Pictures Italia

Original anni ‘80, soffro di bilinguismo dalla tenera età di 2 anni, quando ancora con il ciuccio in bocca, mi rivolgevo in greco a mio papà e in italiano a mia madre. Mamma di due tenerissime diabolike bionde.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here