Tempo di bilanci

0
425

Ultima modifica 20 Aprile 2015

financial statement with calculator and penÈ tempo di bilanci, quelli, per intenderci, che sono alla base della gestione finanziaria di Enti e imprese, quelli di assestamento e quelli di previsione.
La Camera dei Deputati ha appena redatto il proprio e, se guardiamo il totale delle entrate e facciamo un rapido confronto con quello di previsione 2013, ci accorgiamo immediatamente che come era stato annunciato, esiste una minore dazione del Ministero dell’economia di 50.000.000 di euro.

Si potrebbe pensare, visto gli annunciati tagli alle spese improduttive che la  presidente Boldrini aveva proclamato all’ epoca del suo insediamento, che la stessa  le avesse applicate.
Ma non è così!!!!
La riduzione delle spese  è interamente dovuta ad una decisione assunta nei primi mesi del 2012 dall’ ufficio di presidenza che aveva, come capo, Gianfranco Fini!!!!
Il tanto vituperato Fini, ma dei tagli previsti, annunciati, sbandierati della Boldrini?
Neppure l’ombra!!

Grazie alle scelte finiane numerosi capitoli di bilancio sono stati ridotti, ma attenzione, non tutti, perché saltando qua e la ci si accorge che alcuni sono stati inopinatamente rimpinguati, dalla attuale presidente, intendo.
La sig. Boldrini si è assegnata un piccolo tesoretto, non previsto in nessuno dei bilanci precedenti, un fondo di 250.000 euro per spese di cerimoniale (?) in un capitolo da lei appositamente istituito.
Forse non si tratta di una somma iperbolica, ma è indicativa di una mancanza assoluta di realismo.
Ma come? Si predica sacrificio, si prevedono tagli e rinunce, poi la Boldrini si autoassegna una somma per spese voluttuarie, come sono quelle per le cerimonie: inutili per le necessità comuni, ma utili per autocelebrarsi rendendole più sfarzose!

Commenti?
Ma questo non è il solo fiore colto al volo, c’è un altro aumento che mi è balzato agli occhi: il passaggio a 300.000 da i 165,000 previsti come spese di funzionamento del comitato antimafia!!!!!!!
Perchè? Il comitato, nel 2013 non ha funzionato ( lavorato sarebbe dire troppo) per ben 8 mesi, non aveva neppure un presidente!
Ben che vada lavorerà (?) solo per 2 mesi, ammesso e non concesso che venga immediatamente convocato, della qual cosa dubito fortemente, e allora perché raddoppiarne la dotazione?

I soldi che non verranno spesi, badate bene, rimarranno, come residui e si verranno ad aggiungere ai 300.000 già previsti per il 2014, cosi che la sig. Bindi ( perché è lei che è stata nominata presidente) avrà a disposizione circa 600.000 euro da spendere non si sa bene come, né perché.

E qualcuno può pensare che mollerà la presa come le ha chiesto il PDL , se esiste ancora?
La Commissione Antimafia riveste un’ importanza assoluta, per l’argomento e perché è una bicamerale, ma quali risultati tangibili ha avuto in passato?

Qualcuno se ne accorto? Qualcuno li conosce?
Solo parole, parole parole!

Anche alla bicamerale che deve inquisire sul ciclo dei rifiuti è stata aumentata la dotazione, ma di soli 10.000 euro e, udite udite, a quella che deve indagare sull’ incremento degli errori in campo sanitario i fondi sono stati ridotti a 5.000 euro!
Ma che ci volete fare, la malasanità non è importante, non interessa nessuno!!!

Altri piccoli tagli poi, di minore importanza, che non toccano interessi particolari.

Ma la signora presidente ambisce a che la Camera abbia un immagine la migliore possibile e così , se volete, andate a controllare quali sono le voci di bilancio che sono state incrementate e troverete tutte e solo quelle che possono dare lustro a lei ed alla sua camera, voci che si riferiscono non solo a spese improduttive, ma altamente voluttuarie come quelle per il potenziamento dell’attività di analisi politica internazionale che ha una percentuale di incremento pari al 360% addirittura e altre spese dello stesso tipo.

Ma non siamo in crisi? Non aumenta giornalmente la percentuale dei disoccupati? Non si trovano i soldi per i cassaintegrati? Per gli esodati?
Ma loro continuano a sprecare i soldi pubblici chiusi come sono nel loro modo aureo, coperti di vantaggi e privilegi che non si peritano di aumentare.
E pensare che la Boldrini si occupava dei rifugiati!
Ma come se ne occupava? A parole e a spese di altri, certo altri e non lei pagavano i conti…o no?

Nonna Lì

Rispondi