Black Panther, visto in famiglia. La recensione

0
166

Siamo stati all’anteprima di uno dei nostri film più attesi, Black Panther!

Prodotto da Marvel Studios, diretto da Ryan Coogler, è distribuito dalla Walt Disney Studios Motion Pictures.  Esce nelle sale italiane il 14 febbraio in 2D e 3D.
Nel cast stellare ci sono interpreti come Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, la stupenda Lupita Nyong’o, nonché il ‘solito’ cameo di Stan Lee!

Black Panther è un personaggio dei fumetti Marvel Comics nato nel 1966.

Apparso solamente una volta al cinema nel film Captain America: Civil War, ma ha già colpito il grande pubblico per la sua personalità misteriosa ed elegante.

black panther - recensione

Il protagonista è T’Challa, principe ereditario di una antichissima dinastia africana.

Il regno di Wakanda è nascosto tra gli altipiani dell’Africa in una località occulta e protetta, e nessuno sa dove si trovi esattamente.
La sua indennità è salda grazie agli accordi che il sovrano padre T’Chaka ha stipulato con le Nazioni Unite per preservare l’estrazione della materia più potente dell’universo, il vibranio  che viene estratto nella terra tecnologicamente più avanzata e all’avanguardia del pianeta.

Wakanda è abitata da tribù pacifiche.

Alla morte del sovrano viene destinato al trono il giovane T’Challa, il quale deve superare un rito di iniziazione per essere il nuovo Re.
Il rituale prevede che il guerriero sia sfidato da altri giovani ambiziosi e potenti.
Il vincitore sarà re di Wakanda e solo allora potrà bere la pozione di Erba a Forma di Cuore che infonde il potere ancestrale della Dea Pantera.
Chiunque la assume avrà poteri straordinari, sovraumani che aumentano ogni tipo di abilità.

black panther recensione famiglia

Sarà in grado il giovane T’Challa di prendere il comando e salvare la vita del suo popolo?

Davanti a lui si spiegheranno ogni tipo di difficoltà e tranelli, tra corse mozzafiato, agguati, inseguimenti, combattimenti, rivolte e futuristiche guerre con rinoceronti indistruttibili, i cui protagonisti villain sono il mercenario e trafficante di armi Klaw e il giovane ex soldato Erik Killmonger.

black panther recensione famiglia

Black Panther indossa una tuta futuristica messa a punto nei loro laboratori segreti.

Interamente prodotta in vibranio, lo protegge da ogni attacco esterno ed è indistruttibile.
Il super eroe si muove con l’agilità e la sinuosità della pantera, i suoi poteri sono ancestrali e inalienabili, ha una forza ultraterrena, è dotato di velocità animalesca.

E’ affiancato da una squadra straordinaria di donne coraggiose, super intelligenti e indomite. La sua amata Nakia, sua sorella Shuri che è un genio della tecnologia e l’esercito delle Dora Milaje che non abbandonano mai il sovrano al quale giurano fedeltà eterna.

black panther recensione famiglia

Il vostro cuore batterà forte per la tensione e per il ritmo travolgente della musica che fa da filo rosso in tutta la storia.

Una suprema colonna sonora in cui le note hanno una commistione perfetta tra tribale e urbano i cui ritmi si fondono sublimente con i tamburi, il talking drum, l’arpa kora e l’hip hop metropolitano e il rap americano di rivolta.

Il film è potente, a volte violento, ricco di effetti speciali, colpi di scena e adrenalina.

La trama scorre senza noia con scene coinvolgenti dal grande impatto emotivo ed altre in cui i personaggi si lasciano andare all’intimità e ai sentimenti della famiglia e dell’amicizia.

La storia ha un grandissimo spessore morale lancia spunti importanti e riflessioni su temi complessi come quelli della politica mondiale, della lotta tra i grandi potenti del globo, dello sfruttamento delle risorse naturali, dell’accoglienza delle popolazioni in difficoltà da parte dei paesi più sviluppati, dei traffici internazionali ed illegali di forniture di arsenali e armi di distruzione di massa.

Black Panther è un eroe positivo che deve trovare il suo equilibrio per dominare e non essere dominato.

Un eroe che ci lascia alla fine del film con tante speranze per il futuro, e lascia un messaggio feroce e politicamente provocatorio… “solo gli stupidi costruiscono barriere…”.

#Spaventometro 3

Non ci sono parti realmente spaventose. I colori sono a volte scuri ma mai tetri, i personaggi non incutono timore, ma essendo un po’ violento in alcune scene con sparatorie o spargimento di sangue consiglio la visione a bambini dai 6/7 anni di età in poi.
Inoltre per la trama molto complessa – con temi politici e sociali – e la lunghezza di 135 minuti non è destinato esclusivamente ad un pubblico di giovani, al contrario, a mio avviso è un film per adulti che però i bambini sapranno apprezzare tantissimo.

Malik è rimasto infatti molto entusiasta della storia e innamorato del protagonista, mi ha detto che “è normale che tutti amino Black Panther, perchè è un buono, coraggioso che vuole salvare la terra”.

La Marvel Studios ha creato un altro capolavoro, che tu sia un fedele fan o che tu sia alla tua prima visione di un film Marvel andate al cinema a vederlo, vi divertirete ed emozionerete, Black Panther è un vero must see!

E se vi piacciono i personaggi Marvel potete colmare ogni vostra curiosità seguendoci su Marvel Fever!

® Riproduzione Riservata

Non c'è film (per famiglie) che la coppia romana non recensisca! Titty e Malik alias gli inviati del cinema della Capitale. Seguite le recensioni, condividetele e non dimenticatevi di andare al cinema!!

Rispondi