BoostApak: zaino alzabimbo

Ultima modifica 15 Dicembre 2017

Quando si hanno dei figli una delle cose a cui si deve prestare particolare attenzione è la sicurezza in auto.

bambini e auto

A seconda delle età del bambino si devono rispettare regole diverse che permettono alla mamma o comunque al genitore di poter affrontare un viaggio in auto in totale sicurezza.

Fino a quando il bambino è in carrozzina, si può evitare di affrontare la spesa di un seggiolino perché è sufficiente legare la navicella della carrozzina al sedile posteriore dell’auto con un sistema chiamato iso-fix.

Quando però il bambino non è più in età da carrozzina è necessario passare all’uso del seggiolino che, a seconda delle età, va scelto e posizionato in maniera differente.

Per bambini di età inferiore ai 12 anno o ai 135 cm di altezza la legge obbliga all’utilizzo un rialzo che va appoggiato sul sedile e sul quale va fatto sedere il bambino e legato con la cintura di sicurezza presente sul sedile posteriore dell’alto.

Per rispondere a questa esigenza, esiste una soluzione che ha anche una doppia utilità: da una parte assolve alla funzione di alzabimbo qualunque sia la situazione che lo richiede e dall’altra fa da zaino utile per contenere i giochi che il bambino si vuole portare in giro o in vacanza, sto parlando di BoostApak zaino alzabimbo.

zaino alzabimbo

BoostApak ha la particolarità di essere un oggetto compatto, di essere lavabile, di avere una travolta regolabile e di avere una chiusura a zip.

Chiuso ha la forma di uno zainetto spazioso che può essere utilizzato o come bagaglio a mano o come sedile per bimbi, qualunque sia la situazione nella quale ci si trova (macchina, taxi o treno).

alzabimbo

Il vantaggio di BoostApak è anche quello di essere omologato e certificato dal regolamento ECE R44.04 per i gruppi 2 e 3 adatto a bambini di età compresa tra i 4 e gli 11 anni.

alzabimbo1

La modalità di utilizzo inoltre è molto semplice e permette al bambino stesso di sistemare l’alzabimbo sul sedile dell’auto senza obbligare il genitore a farlo.

Laura Zampella

Rispondi