Calendario dell’Ovulazione: qualche info utile

0
693

L’ovulazione attraverso il ciclo mestruale è tipica soltanto delle femmine dei primati. Noi oggi vogliamo parlare del calendario dell’ovulazione

Calendario dell’Ovulazione: qualche info utile

Calendario dell’Ovulazione

Il ciclo mestruale femminile ha cadenza genericamente mensile, ed è regolato dagli ormoni sessuali. Essi servono per la riproduzione della specie.
Durante questo ciclo, nel corpo femminile avvengono diversi mutamenti.
Gli ormoni estrogeni aumentano, e le ovaie vengono stimolate da due di essi: l’ FSH e l’ormone luteizzante.
All’interno dei follicoli ovarici si sviluppa un ovulo.

L’utero aumenta di dimensioni, e se la fecondazione non avviene l’organismo si disfa del suo rivestimento (endometrio) attraverso la mestruazione.

È da questo momento che si comincia a contare il calendario dell’ovulazione.

Le fasi del calendario dell’ovulazione

In genere il ciclo ovulatorio delle donne dura 28 giorni.
Comincia con il primo giorno di perdite.
La prima fase è quella del flusso, che dura di solito dai 3 ai 5 giorni (ma a volte anche dai 2 ai 7).
Per queste perdite in genere le donne necessitano di un’ aumentata quantità di ferro rispetto agli uomini.
Alcune riferiscono dolori addominali, a volte tenui fino ai tipici crampi uterini.

Un’altra fase del calendario dell’ovulazione è la fase follicolare.

Durante questa, l’ipofisi rilascia ormoni FSH E LH e vengono prodotti estrogeni.
Una serie di eventi nel corpo della donna portano all’ovulazione.

In questa fase il follicolo rilascia l’ormone luteizzante (intorno al 12esimo giorno e per circa 48 ore) che matura l’ovulo e lo rilascia.

Le tube di Falloppio hanno il compito di “rapire” l’ovulo e accoglierlo per la fecondazione.
Se l’ovulo non sarà inseminato si discioglierà nell’utero.

Calendario dell’ovulazione: la Fase luteale

Calendario dell’Ovulazione

All’interno delle ovaie, dopo il rilascio dell’ovulo nelle tube di Falloppio, si forma il corpo luteo.
Il corpo luteo è l’organo preposto a secernere ormoni femminili (progesterone ed estrogeni).
Questa fase dura all’incirca due settimane.

Questi ormoni sono deputati a rendere l’utero una “calda casa” per un bimbo.

In caso di fecondazione, l’ovulo passerà dalle tube di Falloppio all’utero dopo circa 6/12 giorni dall’ovulazione.
Viceversa, in mancanza di gravidanza, il corpo luteo si smaterializza e ricomincia il ciclo mestruale.

Calendario dell’ovulazione: quando si è fertili?

Calendario dell’Ovulazione

In genere il periodo più fertile di una donna va dal quinto giorno prima dell’ovulazione fino ai due giorni successivi, ovvero dalla seconda settimana dall’inizio del ciclo (regolare) e fino alla terza.

Chi intende sfruttare metodi di pianificazione di nascita dunque prende in considerazione questi giorni fertili del ciclo.

Calendario dell’ovulazione: quando il corpo della donna dà segnali di periodo fertile.

In genere nei giorni antecedenti all’ovulazione, molto fertili, avvengono perdite trasparenti, di consistenza simile all’albume dell’uovo per intenderci.
In genere come abbiamo detto anche il giorno successivo all’ovulazione è ancora un momento di fertilità.
Dopo iniziano i giorni non fertili.

Calendario dell’ovulazione: il metodo Ogino Knaus.

Questo metodo nacque come sistema anticoncezionale, ma è più attendibile per calcolare i giorni fertili e non come metodo contraccettivo!

Se si vogliono calcolare i giorni fertili con questo metodo basta conoscere la durata del proprio ciclo mestruale e sottrarre 14 giorni dalla presunta data della successiva. Il giorno centrale e quelli immediatamente successivo e precedente verosimilmente sono quelli dell’ovulazione.

Oltre a questo, anche altri metodi come quello della temperatura basale, dell’analisi del muco cervicale, e degli stick per l’ovulazione sono metodi che indicano possibili giorni fertili.
Inutile dire però che basta una qualsiasi modifica, umorale, ormonale, persino nella dieta alimentare  e di qualsiasi altro genere, per far si che tutti questi metodi di calcolo risultino poco o per niente attendibili.

Classe 1971, dicono buona annata per il barolo, viaggiatrice per indole, blogger per caso, mamma per scelta di 2 ragazzi di 8 e 14 anni che come tutti i figli (maschi per giunta), mi fanno tribolare.

Rispondi