Ciao, Mike, sempre nel cuore di Milano

0
340

Ultima modifica 11 Novembre 2015

 

“Allegria…”. sono passati già cinque anni dalla scomparsa di Mike Bongiorno, il presentatore simbolo di un’Italia che forse non c’è più, il padre fondatore della televisione, l’uomo con la carriera (televisiva, ça va sans dire) più longeva del mondo. Non solo l’emblema stesso della televisione italiana, ma molto di più: un uomo i cui forti ideali l’hanno condotto a San Vittore, a  condividere la cella degli oppositori al regime (insieme a Indro Montanelli), un pioniere, un artista.

Un uomo che tanto ha rappresentato per il nostro paese, e che grazie alla sua verve umoristica e alle sue capacità ha portato non solo allegria, ma anche molta italianità linguistica nelle case di tutto  il Belpaese. E dato che Milano non dimentica i cittadini che han fatto la storia – se non di un’epoca, senz’altro di un mezzo di comunicazione importante come la televisione – il sindaco Pisapia ha annunciato che nel capoluogo lombardo, in un luogo significativo per Mike e per la sua famiglia, verrà intitolata una strada a ricordo di questo straordinario personaggio.

Anche noi, oggi, vogliamo ricordare e salutare questo gigante della televisione, pioniere della modernità, uomo eccezionale.

Rispondi