Contro l’inquinamento arriva Monica

Ultima modifica 6 Novembre 2015

 

Monica ha fiuto per l’inquinamento e lo smog. È un naso elettronico, che scova tracce di agenti inquinanti. Anzi, Monica è un naso, un congegno elettrico, che misura i livelli di inquinamento nelle nostre città e ci consentirà di renderci partecipi in prima persona di una mobilità più sostenibilemonicanaso2

Monica“, infatti, indica il più complesso dispositivo di “Monitoraggio Cooperativo della Qualità dell’Aria“, un’osservazione costante, che permette di individuare un percorso alternativo alle strade piene di smog, per diminuire l’esposizione agli inquinanti (e non aggiungerne degli altri).

La nuova piattaforma – sviluppata nel Centro di Ricerche ENEA di Portici e, di recente, presentata a Cambridge, in occasione del Convegno Nazionale Sensori e al meeting sulle nuove tecnologie, dedicate al monitoraggio della qualità dell’aria – consiste in un sistema multisensoriale portatile, basato su paradigmi open source, un vero “naso elettronico“, in grado di affiancare le informazioni provenienti dalle centraline di monitoraggio installate in città.

Ed è così che la caratteristica principale di Monica, come si legge nel comunicato, è di “permettere al cittadino un approccio più consapevole e partecipativo al problema del monitoraggio della qualità dell’aria in città, nonché dell’esposizione personale, per favorire comportamenti virtuosi per una mobilità più sostenibile”. 

Il dispositivo è leggero, makers-friendly e a basso costo. Può essere facilmente montato su uno zaino, oppure installato sul manubrio di una bicicletta. Nel corso di una pedalata o una passeggiata, quindi, sapremo quanti veleni e quanti agenti inquinanti riempiono l’aria e i nostri polmoni. A farne una rilevazione sarà sì Monica, ma a comunicare i dati sarà un’app, precedentemente installata sullo smartphone e che interagisce con il naso elettronico.

monicanasoMonica rientra in una più ampia esperienza maturata a Portici su altri tipi di “nasi elettronici”, forniti di capacità sempre maggiori e in grado di operare in diversi settori, a partire dal primo sistema sviluppato per il monitoraggio dei gas vulcanici, passando per le applicazioni alle prime centraline wireless per il monitoraggio della qualità dell’aria, per arrivare alle applicazioni utili all’industria aeronautica.

Il prototipo di Monica, infine, è sviluppato nell’ambito del Sistema Integrato di Monitoraggio Ambientale, denominato Simona, ed è stato parzialmente finanziato dal programma POR-Campania.

Evviva l’aria pulita, quando c’è.

Paola Lovera

Rispondi