Donare i capelli. Noi lo abbiamo fatto

Ultima modifica 7 Settembre 2017

Qualche tempo fa lessi un articolo che parlava di come donare i capelli per i bambini malati oncologici, e mi colpì molto la storia di un bimbo inglese che voglio condividere oggi con voi.

Si chiama Vinny, e aveva sentito la storia di un suo coetaneo molto malato che era rimasto senza capelli. E di storie di bambini speciali ne abbiamo raccontato anche noi spesso, purtroppo.

Vinny così decise che avrebbe fatto qualcosa per lui. Anzi. Decise che avrebbe aiutato i bambini malati di cancro.

bambino-dona-capelli-cancro

E volle donare i capelli per fare delle parrucche.

Raccontai questa storia a mio figlio. Che aveva la stessa età di Vinny.
E anche mio figlio, evidentemente, rimase impressionato da questa vicenda.
Così decidemmo di fare la stessa cosa.
Mio figlio amava i suoi capelli lunghi.
A volte lo prendevano per una bimba, ma lui, vanesio, ne andava quasi fiero.

“Sono maschio” ripeteva. E dal momento della sua decisione aveva una ragione in più per continuare a farsi crescere i suoi bellissimi capelli.

Ogni tanto andavo da lui e glieli misuravo.

Si perché per donare i capelli, questi devono arrivare ad un minimo di lunghezza.

Trovammo in rete una organizzazione inglese che consentiva di donare i capelli di una lunghezza di 17 centimetri.

Che vi assicuro che per un maschietto non sono pochi.
Queste organizzazioni no-profit si occupano di realizzare parrucche per malati oncologici. Anche bambini.
Lo fanno ricevendo le donazioni da parte di volontari che liberamente consegnano loro ciocche di capelli.
Dopo una selezione confezionano parrucche che vengono consegnate per lenire un minimo il dolore e il disagio psicologico di queste persone che combattono una malattia terribile.

donare i capelli

Se cercate in rete donare i capelli ne troverete diverse.

Noi decidemmo di puntare su una inglese . E poi andammo dal nostro hair stylist!
Gli raccontammo la nostra storia, e soprattutto mio figlio spiegò al parrucchiere che “i suoi capelli li doveva tagliare di 17 centimetri e raggruppare per bene. E che non doveva usare il balsamo!”

donare i capelli
Alla fine avevo un maschietto tutto nuovo, e un pacchetto da spedire.

donare i capelli
Soprattutto la consapevolezza che avevamo fatto stare un pochino meglio un bimbo più sfortunato.

E in fin dei conti stavamo meglio anche noi

Rispondi