Facebook non è il “male assoluto”

Ultima modifica 6 Novembre 2015

melegnano2

Su Facebook si legge di tutto. Viene postata la vita di tutti i giorni, le emozioni e talvolta anche quello che non si dovrebbe. Ci sono casi che fanno bene al cuore.

E’ il caso di Melegnano, vicino a Milano. Qualche giorno fa un signore anziano si è recato in bicicletta al solito bar per assistere alla partita della amata Juventus. Alla fine della partita, dopo i commenti di rito e i saluti, il signore non trova più la sua bici fuori dal bar. Purtroppo l’uomo ha problemi di deambulazione e la bicicletta rappresenta un mezzo indispensabile per i suoi spostamenti.

Gli avventori del bar sono rimasti sgomenti dall’accaduto e il mattino seguente è partita su Facebook una gara di solidarietà per aiutare Gin Gaby.

Un utente del Gruppo Melegnano News ha scritto: “Sono sicuro che tutti voi conoscete il Gin Gaby. Ebbene ieri si è fermato a vedere la sua (e mia) amata Juve nel bar Giulia di via XXIII Marzo. Alla fine della partita è uscito per tornare a casa con la sua bici che però qualche delinquente (voglio essere elegante) ha pensato bene di portargli via…”

Non sono qui per commentare il fatto”, ha continuato, “ma per chiedere se qualcuno di voi ha una bici da uomo da regalargli, perché il Gin non riesce più a camminare per tutti gli acciacchi che ha avuto e si aiuta con una stampella andando ad una andatura lentissima; è venuto a chiedermene una qui in officina, ma purtroppo non ne ho. Siate buoni, se ne avete una che vi occupa spazio in cantina, pensate al Gin”.

Subito è cominciata la gara per raccogliere il denaro necessario per l’acquisto della bicicletta ma poi si è fatto avanti lo Juventus Club di Melegnano, offrendone una a Gin Gaby.

Ieri mattina il nostro tifoso juventino ha ricevuto la bicicletta e ha scoperto di essere molto amato nella sua città. I social network sono diventati i moderni passaparola e funzionano bene.

Paola Lovera

Rispondi