Happy Popping

Ultima modifica 21 Marzo 2018

Qualche anno fa Milano era in testa al crollo delle nascite, ora la situazione sembra stia cambiando, sembra che la natalità stia avendo un’impennata al rialzo e così diventa importante che la città si dia da fare per creare dei servizi in più dedicati a mamme e bambini.
Spesso le donne una volta diventate mamme fanno fatica a girare per la città per la paura di non avere posti dove poter cambiare e allattare il proprio bambino e questo spesso “frena” le loro uscite con conseguenze che si possono ripercuotere anche sull’umore (è risaputo che una neo mamma deve uscire il più possibile con il proprio bambino per evitare di incorrere nella depressione post partum).
Se una mamma ha la certezza di poter trovare nei suoi spostamenti uno spazio interamente dedicato a lei e al suo bambino dove si può mettere per allattarlo e cambiarlo in tutta tranquillità e con i giusti “supporti” (fasciato e scalda biberon se l’allattamento non è al seno) la spinta ad uscire sarà sicuramente più forte.
Sulla base di ciò il Comune di Milano ha lanciato qualche tempo fa una campagna di sensibilizzazione rivolta a bar, negozi, ristoranti e pubblici esercizi in genere, invitandoli a riservare ed eventualmente ad allestire un punto adatto all’Happy Popping.

Non è certo una cosa impegnativa, basta garantire un po’ di privacy, di pulizia e di cortesia.
Anche all’Amministrazione cittadina è stato dato il compito di promuovere questa bella iniziativa zona per zona noi propri uffici aperti al pubblico.
I punti “Happy Popping” sono facilmente riconoscibili perché identificabili tramite adesivi, vetrofanie e contrassegni forniti direttamente dal Comune di Milano.
Partecipare e avere l’adesivo Happy Popping è molto semplice: basta andare sul sito del Comune di Milano e qui si può trovare l’adesivo da scaricare oppure andare a ritirarli qui:
Assessorato al Benessere, Qualità della Vita, Sport e Tempo libero
Portineria, Via Marconi, 2 20123 Milano

L’idea di questo progetto è di Maria Giulia Frailich
Laura Zampella

Rispondi