Jade Beall scatta le foto al corpo delle mamme

Ultima modifica 30 Ottobre 2017

 

Vi è capitato dopo il parto di guardarvi allo specchio e non piacervi? Magari il viso è pallido e scavato, la pancia ancora in fuori. Il seno gonfio e la paura delle smagliature sempre in testa.

jade

Avete evitato anche voi lo specchio per un pò? Sono tante le donne che, nonostante la felicità di essere diventate madri, passano i mesi (o gli anni) dopo la gravidanza a combattere contro un’immagine di se stesse che non accettano più perché lontana dagli standard moderni di bellezza.

Bodies of mothers, il progetto di Jade Beall, una giovane madre e fotografa dell’Arizona, è un lavoro che celebra la bellezza delle mamme senza Photoshop, quella delle nostre vicine di casa, delle nostre sorelle, quelle come noi.

Anche Jade dopo la nascita di suo figlio si è sentita brutta e quella ricerca ossessiva del corpo perfetto le stava rovinando i primi mesi da mamma. Una sera, stanca di non sentirsi bene nella sua pelle, si è fotografata nuda per mostrare agli altri quello che non le piaceva. Una sorta di terapia d’urto.

jade2

La risposta è stata inaspettata: tante donne le hanno scritto chiedendole di fotografare i loro corpi imperfetti, volevano unirsi a quel “voglio amarmi così come sono” di Jade. Così è partito questo progetto dedicato alla bellezza naturale delle madri, per smascherare lo stereotipo che vuole tutte alte, magre e senza cellulite. 

Le ho fotografate e ho ascoltato le loro storie mettendole in un libro che spero darà la forza a tutte noi di liberarci per sempre da quei falsi miti con cui siamo cresciute“, racconta Jade. “Perché non ci siano più donne che pensino ho troppe rughe, sono troppo grassa, sono troppo magra, il mio seno è troppo piccolo, troppo grande, sono troppo scura, troppo pallida. Siamo belle così come siamo. La maggior parte delle immagini che vediamo nei media sono ritoccate, quella non è la realtà. Un anno dopo il primo scatto non solo mi sento più bella, ma ho visto anche le altre donne piacersi. Amiamoci, soprattutto per le nostre figlie”.

Viva le mamme!

Paola Lovera

Rispondi