La danza si impara in armonia

Ultima modifica 21 Agosto 2017

Quando lo scorso anno è arrivato il momento di iscrivere mia figlia ad un corso sportivo, vista la sua propensione nei confronti della musica ho pensato fosse una cosa intelligente indirizzarla verso un corso di danza.

Mi sono documentata un po’ sull’offerta e ho visionato un po’ di centri e alla fine la mia scelta è ricaduta su un’associazione fondata da colei che a suo tempo è stata la mia insegnate di danza (i casi della vita!).

L’Associazione si chiama l’Albero ed è stata fondata da Tiziana Manusardi che è danzaterapeuta, formatrice e ricercatrice.
Per i bambini dell’eta di mia figlia non era previsto un corso di danza vero e proprio ma quello che l’associazione ha chiamato psicomotricità e movimento creativo.
In realtà da “spettatrice” devo dire che è stato più che altro un momento di gioco e di socializzazione perché di passi di danza veri e propri non ne ho visti.

Però al di la di questo io sono stata contenta di aver fatto questa scelta perché lei si è divertita tanto e comunque nella sua testa c’era il fatto che lei un giorno alla settimana andava a danza.

E così quando a settembre si è trattato di decidere cosa fare lei ha voluto che io la iscrivessi nuovamente a danza.

E quest’anno, essendo lei un po’ più grande ha iniziato a fare un po’ di “danza vera”, visto che il corso che ha frequentato si chiama Propedeutica Baby Dance anche se il gioco è rimasto sempre una parte di ogni lezione (e a questa età credo sia importante).

Quello che mi piace dell’Albero è l’ambiente, quando ci si entra non si ha l’impressione di entrare in una palestra, dove l’ambiente spesso può risultare un po’ freddo, ma si entra in una sala dove la “zona danza” è tutta rivestita di legno naturale sul quale si deve entrare rigorosamente senza scarpe o con le “pattine” (che a me fa venire in mente quando ero piccola e andavo a casa di mia nonna dopo che lei aveva messo la cera).

Questo rende lo spazio accogliente e durante i corsi viene richiesto il silenzio  per permettere ai bambini di concentrarsi meglio (ma con bambini di pochi anni il vero silenzio non si riesce mai ad ottenerlo!).

Seguendo il corso che ha frequentato mia figlia mi sono resa conto che quello che si respira all’Albero è  armonia, non competitività, divertimento, spirito di gruppo e amicizia e questo a me come mamma piace moltissimo.

Ma l’attività dell’Albero non finisce qui perché prevede oltre ai corsi per bambini della scuola materna anche corsi per bambini delle scuole elementari e medie (es. danza modera/classica, hip pop, teatro), corsi per adulti, mette in scena spettacoli di danza contemporanea, promuove momenti di socialità: feste a tema, gite, serate di ballo; occasioni culturali: conferenze, visite guidate ai musei e simili; progetti di promozione sociale, collaborando con tutte quelle realtà cittadine che sono dedite allo “stare insieme”.

Mi piace perché:
non stimola la competizione nei bambini, ma li aiuta a sviluppare la socializzazione mentre imparano una nuova disciplina. Perché l’ambiente è piccolo ma molto familiare (io mi sento a casa ogni volta che apro la porta dell’associazione)

Non mi piace perché:
la zona “spogliatoio” è un po’ piccolina e quando c’è una lezione un pò più frequentata diventa difficile mantenere il silenzio anche da parte degli adulti che accompagnano i bambini e questo a volte genera un po’ di scompiglio anche nei bambini che si distraggono con maggiore facilità e si sentono legittimati a “chiaccherare”.

L’Albero

Via Beato Angelico, 23/1- 20133 Milano
Tel e fax 02 70004070
cell. 349 6650933 o 348 5119037
sito: www.albero.it

 

Laura

Rispondi