Le maestre restano agli arresti domiciliari

Ultima modifica 22 Maggio 2013

Ieri si è svolto l’interrogatorio di garanzia davanti al Gip Elvira Tamburelli della maestra Franca Mattei della scuola materna di San Romano, nel quartiere Portonaccio a Roma,  agli arresti domiciliari dal 15 maggio scorso per i presunti maltrattamenti ai bambini della scuola materna dove lavora.

Ha motivato questa scelta perchè vuole visionare i filmati (in tutto sono 15) che proverebbero i suoi comportamenti violenti nei confronti degli alunni.

Anche la direttrice della scuola, Maria Rosaria Citti, è agli arresti domiciliari, ma ha deciso invece, di rispondere al Gip, respingendo ogni accusa. La donna è accusata di aver coperto la maestra mettendo in atto una sorta di mobbing  nei confronti del personale scolastico che si era accorto dei comportamenti violenti della maestra.

L’avvocato della Citti dichiara “la maestra Mattei era una di quelle richieste dai genitori proprio per il suo sistema educativo rigido”. (Alla faccia della rigidità…)
L’avvocato poi ha annunciato che farà ricorso al Tribunale del riesame. “La coordinatrice – ha concluso – sta impazzendo per questa storia. Sono molti anni che si occupa di bambini e una tale vicenda la rammarica”.

Naturalmente nessuno è colpevole e tutti sono innocenti…

Per fortuna che esiste la tecnologia che forse farà chiarezza su questa vicenda.

Fonte: Repubblica

Rachele Masi

Rispondi