L’importanza del dialogo per un neonato

0
215

La nascita di un bambino porta un grande scombussolamento all’interno di una famiglia, perché marito e moglie devono trovare un nuovo equilibrio dettato dal nuovo arrivato /a.

mamma-legge-fiaba-al-figlioPersonalmente posso dire che anche l’arrivo di un secondo bambino genera un po’ di scompiglio all’interno di una famiglia e non mi riferisco solo a quello generato al bambino che già c’è, ma ancora una volta alla coppia che deve nuovamente “andare a caccia” dell’equilibrio.
E questo capita soprattutto nella parte maschile della coppia, almeno nel nostro caso è stato così.

Anche per il nuovo arrivato/a i primi giorni all’interno della famiglia sono importanti e a volte difficili perché, dalla pancia della mamma, dove viveva in uno stato “ovattato”, di colpo si trova a vivere in un ambiente nuovo, separato dalla sua mamma, con nuovi attori con cui interagire e di cui molto probabilmente conosce solo le voci.

Ho letto che per un neonato i primi giorni, ma anche i primi mesi di vita, sono molto importanti per il suo sviluppo futuro, perché quanto impara in questo periodo potrebbe influire sul comportamento che svilupperà negli anni a seguire.
Fondamentale per un neonato è la voce delle persone che si occupano di lui (mamma, papà, nonni), perché a volte gli basta proprio sentire solo le voci delle persone care per tranquillizzarsi senza necessariamente doverlo prendere in braccio.
Il primo anno di età di un neonato è quindi molto importante per il suo sviluppo futuro a livello cognitivo, perché è quello che gli permetterà di acquisire il numero di parole che poi utilizzerà negli anni a venire.
Pare essere anche importante il modo in cui un adulto dialoga con il proprio bambino, cioè più le frasi utilizzate sono articolate e complesse, più si contribuisce al suo sviluppo cognitivo, oltre che a catturare l’interesse del bambino stesso.
La mia seconda figlia ha da poco compiuto sette mesi e io mi sono resa conto di quanto siano importanti le espressioni del volto quando mi approccio a lei. È vero, lei è molto solare e ride con molta facilità, ma se io a mia volta ho lo stesso comportamento nei suoi confronti, lei sembra essere ancora più felice di quanto non lo sia abitualmente.
Una cosa che però ho visto che accade è che lei è molto catturata dalla televisione e dello schermo di un computer più di quanto lo fosse la sorella, probabilmente questo avviene proprio perché ha una sorella più grande, ma spesso capita che, se c’è la televisione accesa, lei si distragga da quello che sta facendo perché la sua attenzione viene catturata dallo schermo e questo ovviamente pare non essere un bene per un neonato, perché potrebbe portare a un più lento sviluppo del suo linguaggio.

Laura Zampella

La redazione del magazine. Nato nel maggio 2013, da marzo 2015, testata registrata al tribunale di Milano. Mamme di idee rigorosamente diverse commentano le notizie dell'Italia e del mondo, non solo mammesche.

Rispondi