L’universo è come un boomerang

Ultima modifica 4 Settembre 2017

2013 e 2014

Sì, l’universo è come un boomerang. Mi spiego.
E’ vero che il 2013 non è stato un anno facile, anzi, oserei dire proprio difficile: crisi economica, catastrofi naturali, omicidi e stragi dappertutto… ma non può essere che sia tutto definitivamente da buttare, almeno, non credo che sia così per tutti, o no?

Un po’ di fatti positivi sono accaduti e neanche sono poca cosa…

E poi, stiamo parlando di un anno della nostra vita, un anno di esperienze fatte, di vita vissuta, di emozioni che ora sono irreversibilmente diventati ricordi.

Un anno di abbracci con i nostri figli, i nostri cari, un anno di sorrisi, di cene in casa, di chiacchiere con un amico, di confidenze con una sorella, di coccole sotto le coperte. Buttereste via anche tutto questo?  No, io personalmente no.

I nostri figli sono cresciuti di un anno (e viva Dio, aggiungerei!), anche loro hanno fatto tanta strada in 2013, vorreste gettare alle ortiche anche questa? No, io personalmente, no!

Non lo vorrei buttare non fosse altro perché ora il mutuo si è accorciato di un anno e non è poco!

Perché poi bisogna pensare in positivo, bisogna necessariamente vedere il bicchiere mezzo pieno, perché così è. E’ stato difficile, in salita, abbiamo arrancato, abbiamo sofferto e abbiamo sudato parecchio, ma eccoci ancora qui a parlarne e sicuramente siamo più forti di prima.
Il piangermi addosso non è una mia caratteristica, il recriminare e il rimpiangere nemmeno, quindi io vado avanti e non mando nulla a quel paese del 2013, nonostante non sia stato facile neanche per me, ma non mi va di lamentarmi, non servirebbe a niente.
E aspettare che le cose cambino se non siamo noi per primi a cambiare  è pretendere davvero troppo: a predicare bene e a razzolare all’esatto opposto siamo i primi in classifica noi Italiani, siamo tutti allenatori, politici, dirigenti e amministratori delegati, ma quando c’è da lavorare in prima linea, di alzarsi le maniche, di prendersi le responsabilità, sgattaioliamo esattamente come i nostri politici. Nulla di più e nulla di meno.

L’universo, il destino, Dio, chiamiamolo come ci pare,  rimanda indietro quello che si semina, l’universo è come un boomerang e se si semina lagna, cosa tornerà indietro? Indovina un po’????

Micaela – Le M Cronache

Rispondi