Mamma, cucino da solo! Pochi trucchi e il gioco è fatto!

Ultima modifica 30 Marzo 2021

Mamma, cucino da solo! non è semplicemente un libro, ma è molto di più. È una vera raccolta di attività, che consentono di realizzare un laboratorio di cucina con i più piccoli.

Strizza l’occhio al metodo Montessori, ponendosi l’obiettivo di rendere i bambini autonomi. Nel caso specifico, la proposta prevede la realizzazione di golosi dolci. Ovvio che l’adulto è presente, ma solo come osservatore attento, ma distante. 

Il libro è meravigliosamente illustrato con foto e disegni, che ricoprono la funzione di guide per i bambini. Gli permettono di mettersi in gioco anche in cucina in piena autonomia. 

Non occorre neppure la bilancia né saper leggere!
È sufficiente saper contare fino a cinque.

Il vantaggio di questo libro è anche quello di avvicinare i bambini alla cucina, al buon cibo ed alla corretta alimentazione. Offre l’opportunità di lavorare sulla motricità fine, sulle capacità di organizzazione, sull’autonomia.

Realizzare semplici ricette, trasformandosi in chef protagonisti, rappresenta un percorso di crescita per genitore e figlio. Accresce l’autostima poiché il bambino si percepisce competente. E in grado di progettare un’attività tradizionalmente considerata da adulto.

Il testo scritto è ridotto al minimo.

Viene utilizzato il linguaggio visivo. Accattivante e di comprensione immediata. 

Prima di cominciare, è importante predisporre la cucina in modo funzionale.

Il bambino deve poter accedere agli ingredienti senza necessità di richiedere l’aiuto dell’adulto. A tale proposito, all’interno del libro sono presenti anche delle etichette adesive da sistemare sui contenitori degli ingredienti. 

Gli ingredienti sono semplici, presenti in qualsiasi credenza.

Adatti ad essere maneggiati dai bambini. Infatti, farina, zucchero,…si prestano perfettamente ad essere i protagonisti dell’attività preferita dai bambini piccoli: i travasi. 

Le etichette hanno immagini che consentono di riconoscere subito cosa c’è all’interno del contenitore. E sono ovviamente le stesse che compongono la ricetta presente sul libro.

In questo modo, il bambino può seguire passo passo la ricetta solo avendo l’immagine davanti. Per quanto riguarda le quantità, come già detto non ci serve la bilancia.
Basta avere a portata di mano un vasetto di yogurt e un cucchiaio da minestra.

Cucinare, in questo modo, diventa un gioco divertente.

Un gioco dove però vengono esercitate abilità e capacità anche complesse. 

Il bambino deve rimanere attento e concentrato. Manipola esercitando la motricità fine e la coordinazione occhio mano. Necessarie diventano la capacità organizzativa e quella di seguire una sequenza di attività in successione. I bambini imparano a contare. Ad essere ordinati. A conoscere ed apprezzare alimenti diversi. 

Il piano di lavoro deve essere ordinato, meglio ancora se alla sua organizzazione partecipa anche il bambino. Una tovaglia di plastica lavabile, gli ingredienti e gli strumenti necessari. L’adulto entra in gioco per utilizzare il coltello oppure al momento della cottura.
Per il resto possono fare da soli. Travasare e mescolare sono funzionali allo sviluppo motorio e cognitivo del bambino.
Le ricette presenti sono gustose e adatte per tutta la famiglia. Abbiamo la torta allo yogurt, quella a cioccolato e pera, i biscotti alla marmellata e tanto altro. 

E voi cosa aspettate a mettervi in gioco? Da non perdere!

Dettagli tecnici

Autori: Katia Casprini, Roberta Guidotti
Editore: Red!
Prezzo: 16 €
Pagine: 35 

Consigliato dai tre anni

Rispondi