Max Paiella torna a teatro con un nuovo spettacolo

Ultima modifica 6 Novembre 2015

 

«Un’orrida caponata – afferma, ridendo Max Paiella, nel parlare del suo spettacolo – fatta con i brandelli delle canzonette. Un’orrida caponata che diventa investigazione nella musica per arrivare a capire meglio gli italiani, i nostri costumi e, incredibilmente, anche la nostra politica».

Paiella locandina

Max Paiella, comico, imitatore, cantante e musicista, è di scena dal 4 marzo al Teatro Vittoria di Roma con uno one man show, uno spettacolo fatto di parole e musica e, soprattutto, di risate. Max Paiella è noto al grande pubblico per la sua decennale partecipazione alla trasmissione radiofonica Il ruggito del coniglio, in cui propone diversi suoi personaggi comici e per aver partecipato a numerose trasmissioni televisive negli ultimi anni, sia sulla Rai (Per un pugno di libri, Tintoria, Parla con me, Gazebo) sia su La 7 (The show must go off). Si è affermato come imitatore “sui generis”, proponendo personaggi molto apprezzati dal pubblico, tra cui Augusto Minzolini, Alfonso Signorini, Maurizio Belpietro, Fabrizio Cicchitto, Gigi D’Alessio e, soprattutto, il sindaco uscente di Roma Gianni Alemanno.

È un artista poliedrico, che affianca alla carriera televisiva e teatrale quella di cantante nel gruppo musicale Blues Willies, accanto a Claudio Gregori, il Greg della coppia Lillo & Greg.

«In fondo, – aggiunge Paiellaquando sentiamo parlare un sottosegretario o quando partecipiamo all’enunciazione di un programma di partito, sembra di ascoltare un buon vecchio standard jazz: bello, profondo, giusto, autorevole e….. incomprensibile. E, se cantassimo uno zibaldone di tutte le frasi ad effetto e le parole che abbiamo sentito nei vari talk show, potremmo produrre senz’altro ottime canzonette. Attraverso la musica potremmo affrontare tematiche misteriose nonché imbarazzanti interrogativi pienamente attuali… Come Battiato ci confidava che presto sarebbe ritornata l’era del cinghiale bianco… e ci ha spiegato quali sono i desideri mitici di prostitute libiche… anche noi potremo arrivare a capire il significato dello spread, del rating e del default, in mezzo a voti di protesta, banche sbragate, tagli, porcellum, e faccendieri in fuga alle Cayman. Attenzione quindi… potremmo ritrovarci un giorno a comunicare con le frasi delle canzonette che ascoltiamo con distrazione, o a cantare l’inno di un partito perché ci hanno messo dentro parole familiari… o, peggio ancora, a votare un governo fatto da cantanti!”. 

Si torna a teatro con Max Paiella.

dal 4 al 16 marzo 2014

TEATRO VITTORIA di Roma

Piazza Santa Maria Liberatrice, 10 00153 Roma

Paola Lovera

Rispondi