I mecenati della moda per rilanciare Galleria Borghese

Ultima modifica 10 Novembre 2015

galleria borgheseE’ proprio vero il detto che “la cultura non paga”. A Roma, una delle gallerie più visitate soffre per la mancanza di fondi, che non sono certo legati ai biglietti venduti.
Nasce così “Mecenati della Galleria Borghese”, un’ associazione Onlus presieduta da Maite Bulgari che ha come scopo quello di “promuovere, sostenere e valorizzare la Galleria Borghese.
Fra i soci fondatori Silvia Venturini Fendi, Miuccia Prada, Jacaranda Caracciolo. Ma anche il finanziere francese Robert de Balcany, Renata e Andrea Mauro Boccanelli, Pietro Albanese, Anna D’Amelio Carbone, Marino e Paola Golinelli, Walter Mainetti o il gioielliere Fabio Salini.

Fra gli obiettivi “la realizzazione di studi e pubblicazioni sulle opere della Galleria, la loro conservazione con l’utilizzo di avanzate tecnologie di ricerca e la formazione con corsi e seminari e la raccolta straordinaria di fondi”.
“Anche un museo come il nostro soffre per mancanza di fondi, perché il budget non è legato agli ingressi  –  spiega la direttrice Anna Coliva, che ha caldeggiato l’iniziativa  – . Non ci sono risorse per la ricerca e la tutela, né per finanziare borse di studio. Siamo allo stremo persino per la manutenzione delle opere e degli impianti e per il funzionamento ordinario”.

Moda e arte, un binomio vincente!

Rachele Masi

Rispondi