Pilota per caso

0
695

Ultima modifica 26 Novembre 2015

pilota per caso

Questa storia si ambienta nei cieli del North Lincolnshire, regione dell’estremo nord-est dell’Inghilterra. Il pilota di un biposto ad elica, che stava sorvolando la zone insieme ad un passeggero, è stato colto da un malore e si è accasciato all’improvviso sui comandi. Il passeggero è riuscito a fare atterrare l’aereo grazie al tempestivo aiuto arrivato da terra. Ma il pilota non ce l’ha fatta ed è deceduto in ospedale.

E’ il peggior incubo di chi prende un aereo ma per fortuna si è trasformato in una avventura a lieto fine. L’aeroplano era decollato da Sandtoft Airfield – un piccolo aeroporto ubicato nel Doncaster, 40 km ad ovest dell’Humberside Airport – quando verso sera il pilota lancia il primo Sos. Poco dopo le sue condizioni peggiorano a tal punto da dovere cedere la cloche al passeggero, che però non aveva mai pilotato un aereo.

L’aereoporto di Humberside ha convocato due istruttori di volo per dare supporto all’atterrito neo pilota. L’uomo ha eseguito alla lettera tutte le istruzioni e, dopo che l’aereo ha toccato il suolo, sono scattate le procedure di sicurezza previste in questi casi, mentre alla torre di controllo è scoppiato un lungo applauso liberatorio.

Il pilota è stato subito trasportato in ospedale, ma è deceduto poco dopo il suo arrivo. La polizia locale ha aperto una inchiesta per stabilire le cause del malore e del decesso.

Roy Murray, uno dei due istruttori di volo, ha raccontato alla stampa inglese che, mentre spiegava la procedura di atterraggio, ha cercato di calmare l’uomo alla guida: “La prima cosa da fare era evitare che si facesse prendere dal panico, altrimenti avrebbe potuto succedere di tutto. Senza questo tipo di approccio, avrebbe potuto precipitare causando una tragedia. Invece ha sorvolato l’aeroporto un paio di volte ed è riuscito ad atterrare”.

Il pilota per caso ha compiuto davvero un impresa straordinaria, pensando che è stata la sua prima (e forse anche l’ultima) lezione di volo.

Paola Lovera

Rispondi