Pitturiamo con papà

Ultima modifica 21 Agosto 2017

Sappiamo tutti che la maggior parte del tempo i bambini lo passano con le loro mamme, ma per me non conta quanto tempo si passa con un genitore ma la qualità del tempo passato insieme.

Nonostante ciò volevo trovare un modo per far passare più tempo con nostro figlio a mio marito, sempre oberato di lavoro.

Sono così venuta a conoscenza del centro dell’Associazione A.m.a.Dà (Associazione Artistica e Culturale
Marian Mazzei Arte e Danza) e del loro progetto “DIALOGO CREATIVO“. L’obiettivo di questo progetto è di creare un dialogo tra genitori e figli, attraverso la mediazione artistica. Dialogo vuol dire ascolto, di se stessi e dell’altro; ma anche attenzione verso se stessi e verso l’altro. Ascolto e attenzione sono gli elementi fondamentali del dialogo proposto da ciascun laboratorio.

Visto che mio figlio adora sporcarsi, mio marito pure, ignorando il fatto che io invece odio pulire e che comunque alla fine tocca sempre a me si sono iscritti al laboratorio di Pittura e Creatività Manuale tenuto da Roberta Barbieri.

Tutti i laboratori, compreso questo, possono essere svolti sia con la mamma che con il papà. Ma nel mio caso è stata veramente una bella occasione per stabilire un giorno alla settimana in cui mio marito e mio figlio hanno avuto la possibilità di fare una cosa tutta loro tra padre e figlio. La sera poi quando tornavano a casa sporchi dalla testa ai piedi non vi dico che bellezza era ascoltare i loro racconti e vedere la loro felicità per il tempo passato assieme.

Ogni corso si compone di 5 incontri di un’ora e un quarto circa, ce ne sono davvero di tantissimi tipi: dal laboratorio di tessitura alla danza espressiva e contemporanea a quello di musica e molti altri.

Roberta Barbieri nasce a Milano dove studia all’Accademia di Brera Diplomandosi in Scenografia e Costumi. Nella professione ha affiancato alla collaborazione con laboratori di scenografia teatrali e fotografici attività creative di ogni genere. Si è dedicata soprattutto all’aspetto emozionale dell’arte, organizzando corsi-laboratorio di “creatività emotiva” per bambini ed adulti, approfondendone i contenuti con studi specializzati anche nel campo dell’arte terapia.

Valentina 

Rispondi