Prepariamo la valigia

Ultima modifica 24 Agosto 2015

Quando si avvicina il termine di gravidanza, una delle preoccupazioni delle future mamme è la preparazione della valigia: “cosa porto, sarà troppo, sarà troppo poco, avrò dimenticato qualcosa”…

In realtà bastano pochi semplici trucchi.

Schermata 2015-06-10 alle 09.54.30

Innanzitutto bisogna avere chiaro cosa si vuole e si deve portare.

Per la mamma sono sufficienti degli asciugamani per il bagno e la trousse, due camicie da notte, delle ciabatte (se nuove meglio usarle prima perché possono essere scivolose e si rischierebbe di cadere), delle mutande di rete usa e getta (le perdite di sangue saranno abbondanti nei primi giorni), degli assorbenti molto grandi senza adesivo e possibilmente non sintetici per far traspirare meglio la pelle, dei reggiseni di una taglia in più rispetto al solito, in quanto con l’arrivo della montata lattea il seno aumenterà di volume, e una camicia da notte per il parto (oppure una maglietta molto grande che poi si possa eventualmente buttare perché durante il parto è molto probabile che si sporchi).

Per il bambino invece servono dei pannolini, un detergente neutro e almeno quattro cambi messi singolarmente in bustine trasparenti con un’etichetta con segnato nome e cognome della mamma e nome e cognome del bambino. Ogni bustina dovrà contenere un body a maniche corte (vanno bene anche nel periodo invernale perché, soffrendo più il caldo del freddo, è meglio vestirli a più strati), una tutina lunga o corta in base alla stagione e le calzine.

Un occhio di riguardo va dato al tipo di body e di tutina che vengono comprati perché se hanno ad esempio troppi bottoni, c’è il rischio che diano fastidio al bambino.

Se poi avete già deciso quale dovrà essere il primo vestitino, per evitare confusione dovuta a emozione e stanchezza, mettete sulle bustine dei numeri belli grandi per capire l’ordine con cui andranno indossati i completini!

Un’ultima cosa importante da tenere presente è che bisogna riempire la valigia mettendo nella parte inferiore le cose che serviranno per ultime e sopra quelle che serviranno per prime, in modo da riuscire a prendere più facilmente camicia da notte e vestitini se doveste arrivare in ospedale in travaglio e avere poco tempo per cercarli.

Elena Ferrari

Rispondi